Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Luglio: 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Il Vecchio e il Mare

No Gravatar

Il Vecchio e il Mare, un romanzo di Ernest Hemingway. E’ la storia di un pescatore a cui la fortuna ha voltato le spalle: le pesche sono infruttuose da lungo tempo. La gente del villaggio, vedendolo in difficoltà, se ne sta alla larga, timorosa che la sfortuna le si attacchi; l’unico che ha simpatia di lui è un ragazzo, ancora incontaminato dalla mentalità dei grandi. Superstizione. Pregiudizi. O più semplicemente fastidio per chi versa in cattive condizioni, timorosi che l’altro possa chiedere un aiuto.
Sembra quasi che nei momenti di difficoltà le persone se ne stiano alla larga perché i guai del malcapitato non li seguano. Si è evitati, messi da parte, la sola presenza un fastidio. La storia è un modo per mostrare che nelle difficoltà si è isolati, anche avendo qualcuno vicino, perché le difficoltà debbono essere affrontate da soli, nessuno può superarle al posto nostro.
Questa è una delle realtà dell’esistenza, quanto il romanzo ha detto a me; faccio questa premessa per rispetto all’autore, che per sua natura non amava che si cercassero simbologie nei suoi libri. Ciò che voglio non è ricercare allegorie, ma semplicemente mostrare a ciò che il romanzo mi ha fatto pensare: un esempio da seguire.
Il pescatore è l’uomo, rappresenta ogni individuo, chiunque può raffigurarsi in lui perché chiunque ha incontrato difficoltà e periodi duri.
L’oceano è simbolo di vita, da esso si dice che si siano sviluppate le prime forme d’esistenza che hanno dato il via al mondo e alle creature che conosciamo. L’oceano con le sue profondità, gli abissi, i luoghi bui è anche il simbolo della nascita delle creazioni: divine, letterarie, scientifiche.
Il pescatore ogni giorno va nell’oceano a pesca: così è l’uomo che ogni giorno va incontro alla vita. Quella vita capace di fare doni (il pesce spada), ma anche di rovinarli e farli perdere (squali), come se alle volte voglia essere chiusa, precludere qualsiasi cosa all’individuo, come se si ostinasse contro di lui.
Il vecchio, oppresso dalle fatiche e dall’età, non si arrende, continua a lottare, convinto che le cose non possono andare male per sempre, che quello che serve è solo tenere duro un altro po’. Questa è la lotta con il pesce, rappresentazione del duro periodo in cui è, deciso a non lasciarsi sopraffare. Il vecchio è l’uomo che fa, che lotta. E alla fine ce la fa, ne esce vincitore: il pesce spada, la difficoltà, non l’ha avuta vinta.
Ma le vittorie sono effimere e ci sono sempre squali pronti ad accanirsi e a distruggere, a sfruttare il periodo di debolezza, rovinando impegno e volontà, lasciando con nulla in mano; lasciando sconfitti.
Così è alle volte la vita: ingiusta, crudele.
E allora sorge una domanda.
Vincere, perdere: che differenza fa?
Tutto passa, tutto è mutevole; niente è per sempre, tutto è cambiamento.
E allora perché darsi tanto da fare, se alla fine, in qualsiasi caso, non si ha nulla in mano?
Per non rinnegare se stessi; per non arrendersi. Perché la vita è anche lotta, una lotta che merita di essere affrontata. Non conta il risultato, non conta ottenere riconoscimenti: conta essere.
E il pescatore è stato l’uomo che non ha mollato.
Una storia triste, ma anche di speranza, un invito a non mollare perché il fato, il destino, la malasorte (chiamatelo come volete) può anche uccidere una persona, ma non avere la meglio su di lei.
Perché non mollare è ciò che conta: il non arrendersi è LA vittoria.

2 comments to Il Vecchio e il Mare

  • Devo decidermi a leggere questo romanzo. Dopo Kafka sulla spiaggia mi cimenterò.

    Oggi come oggi, con l’umore sotto le scarpe e la rabbia che ribolle nelle vene, è difficile credere che alla lunga il non mollare sia una vittoria. Difficile ma non impossibile, comunque.

  • Ci sono momenti in cui è duro credere che ci sia qualcosa da salvare. E’ difficile andare avanti quando si vedono gli sforzi vanificati e perdere ciò a cui si tiene: fa male. Alle volte la rabbia può essere un modo per proseguire, per non mollare: un sostegno momentaneo, certo, perché alla lunga logora.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>