Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Attesa

No Gravatar

Qualche post fa ho parlato di Hachiko: il film ha già il suo significato, ma le scene finali mi hanno fatto cogliere un’analogia con la vita umana. Come spesso si rimane in attesa di qualcosa che non arriverà mai.
Può trattarsi di tante cose: una grande occasione, la realizzazione di un sogno, il ritorno di sentimenti scomparsi, legami che ormai non esistono più. Aspetti diversi di una stessa natura: l’illusione.
A causa di essa l’esistenza diventa un trascinarsi, un corso lento che scivola via senza essere vissuto. Si vive in un’attesa piena di aspettative, velata con un sottofondo di malinconia, un sottile struggersi che lentamente consuma, facendo scemare quella fiamma che è la vita.
Tale attesa illusoria è ben mostrata in Aspettando Godot di Samuel Beckett. A essere proiettati verso qualcosa che verrà, non si guarda il presente, ci si nasconde a esso; se questo avviene significa che la vita che si vive nell’adesso è triste, c’è qualcosa che non piace e allora si spera che il futuro sia migliore, vivendo nella speranza che un giorno si realizzi, che le cose diventino migliori. Ma se si fugge dal presente e si corre lontano, quando ci si fermerà ci si accorgerà che il presente è sempre stato alle spalle, lo si è portato sempre appresso. Si è corso tanto attendendo qualcosa di migliore, ma in realtà non si è fatto nulla.
E’ un’immagine triste, come quella di un cane vecchio e stanco, logoro nel corpo e nello spirito, che trascinandosi di notte su una rotaia va ad aspettare quell’amico che non potrà mai più arrivare.
Nella vita esistono tante verità: una di queste è che l’umanità è un nomade che continua a errare sempre in cerca.
E che cosa cerca?
Cerca di colmare i vuoti e può farlo solamente attraverso i sogni e i sentimenti.

2 comments to Attesa

  • Be post, carico di malinconia e di speranza allo stesso tempo.Siamo erranti è vero, ma non tutti colmano i vuoti con sogni e speranze, c’è chi lo fa con la droga, chi con la violenza, chi con i soldi…
    per questo saremo eterni nomadi.

  • Il film è stato ben fatto e mi è piaciuto, ma mi ha lasciato una sensazione di malinconia e tristezza, ma anche di speranza (come tu hai notato), perché c’è ancora del buono in questo mondo.
    Purtroppo esistono i modi che dici e sono in numero sempre crescente; c’è chi addirittura crede che siano davvero sogni, mentre in realtà palesano solamente un malessere interiore.
    C’è una canzone di Franco Battiato, Le sacre sinfonie del tempo, che parla dell’essere eterni nomadi: molto bella e profonda.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>