Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Il crollo del fantasy

No Gravatar

La copertina di Toll the Hounds di Steven Erikson ben rappresenta il mercato bruciato del fantasy in ItaliaCon l’uscita dei film di Peter Jackson su Il Signore degli Anelli, il fantasy ha trovato un grosso traino che l’ha portato alle luci della ribalta. Case editrici, autori, lettori si sono buttati su questo genere andando così a creare un mercato florido, ricco di prodotti. Tavole rotonde si sono create dove hanno partecipato scrittori e addetti ai lavori, dove in tanti vedevano quanto stava accadendo come il punto di partenza per l’espansione del genere, perché avesse quel riconoscimento che fino ad allora gli era stato negato, venendo sottovalutato e considerato una lettura di serie b, di mero intrattenimento, adatta solo a bambini, adolescenti e mentecatti.
Tanto è stato l’ottimismo e tante le aspettative avute.
Chi però ha saputo osservare, ha potuto vedere, avendone conferma in seguito, che sarebbe stato un fuoco di paglia. I motivi di questa considerazione divenuta realtà sono dovuti al fatto che tutto è stato improvvisazione, si ha avuto fretta di accaparrarsi fette di mercato per ottenere guadagno, ma non ci si è soffermati a curare la qualità del prodotto, a conoscere il genere, ad avere la conoscenza, la preparazione, le basi per realizzare opere di questo genere. Si è sempre seguita la moda del momento (dai romanzi simil Signore degli Anelli al ricercare emuli sempre più giovani di Paolini, dai vampiri al romance in salsa fantastica) puntando solo a ottenere ricavi.
Passato il momento, ci si ritrova a fare i conti con le macerie di un mercato bruciato. Per ingordigia e incapacità si è persa l’opportunità di valorizzare e far crescere un genere. L’illusorio ottimismo (purtroppo tipico ormai dell’Italia) ha portato ad avere cenere tra le mani, portando rimessa alle case editrici e agli autori pubblicati che ora non vendono più o vendono poco, ma anche a chi vorrebbe provare a pubblicare, dato che dopo lo scotto è difficile trovare che è disposto a investire su un genere che è stato bruciato, soprattutto perché non ci sono più lettori nuovi interessati ad approcciarsi al fantasy, data la mediocrità che per anni è stata rifilata. Rimane solo chi è veramente (e lo è sempre stato) appassionato di fantasy e ricerca negli autori del passato che hanno realizzato romanzi di valore e senso.
Chi ha saputo osservare non è meravigliato di quanto successo, perché si è avuto di fronte il tipico modo di fare italiano, che fa tanti proclami e sparate, ma manca di organizzazione, preparazione, capacità, professionalità. Un modo di fare che fa perdere fiducia, con tutto quello che ne consegue. Purtroppo è triste constatare che nel nostro paese ormai è tutto così, che si dà spazio a chi non lo merita (incapaci e raccomandati, perché è questa ormai la mentalità comune diffusa) mentre si preclude ogni via a chi ha capacità, idee, potenzialità e crea qualcosa di valido.

2 comments to Il crollo del fantasy

  • Il successo del fantasy è stato anche la sua rovina. E questo anche prima che P. Jackson facesse la sua (s)fortunata serie di film (bello però il primo SdA secondo me…).
    La varietà dei modelli e degli scenari, la potenzialità di esplorare qualsiasi cosa si scontra con un mercato che favorisce alcuni modelli che imitano i grandi successi, e anche le nuove strade adesso si sviluppano secondo mode che si rincorrono più che con la creatività del singolo scrittore. Così anche un nuovo sottogenere (mi vengono in mente i tantissimi -punk) rischia di diventare cliché. Sarà che Paul di Filippo a me è piaciuto pochissimo…

    • Il successo dei film di Jackson ha fatto sì che il fantasy avesse un maggior risalto, come ora sta succedendo ai fumetti, specie quelli Marvel (i tre film del SdA mi sono piaciuti per il lavoro che è stato fatto, curato, meticoloso, riconoscendo che alcune differenze ci sono col libro di Tolkien; quelli su Lo hobbit li prendo come film discreti/buoni, che partono dal libro e poi vanno per la loro strada, ma tre sono troppi).
      Purtroppo le mode condizionano. Dico purtroppo perché non ci sarebbe nulla da dire se seguendo una certa linea si realizzassero prodotti qualitativamente validi. Esempio, il primo film degli Avengers come storia, trama, risvolti psicologici dei personaggi non è al livello di Watchmen, ma è fatto bene, fa il suo dovere nel campo che gli compete; questo invece non è stato fatto con il fantasy (almeno in Italia), dato che ci si è improvvisati (editori, scrittori e pure lettori), facendo scadere il tutto.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>