Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Febbraio: 2013
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Sulle elezioni

No Gravatar

A ogni elezione, qualsiasi risultato saltasse fuori, tutti erano contenti, tutti soddisfatti dei risultati, anche chi perdeva.
Ma questa volta il clima è diverso, è pervaso d’incertezza. Ingovernabilità, dicono in molti.
Una cosa è certa: per l’Italia il peggio deve arrivare.
Un’altra cosa è certa, della quale la popolazione italiana dovrebbe rendersi conto: alle persone che vogliono andare al governo non gliene importa nulla di governare il paese, di far migliorare le cose. Importa solo ottenere il potere, pronte a smontare qualsiasi cosa per avere la loro parte in questa grande torta che è la nazione in cui viviamo. Degli individui che vi abitano non gliene importa nulla: interessa solo la poltrona su cui possono sedersi. E se non vi sono seduti, come poterla conquistare o riconquistare.

L’Ultimo Potere – Terzo Atto – XXIV Il passato nelle scelte(parte 1)

No Gravatar

Vie deserte sotto un cielo stellato. All’orizzonte una sottile linea chiara rannicchiata sotto la profondità della notte. Sulla cima dell’agglomerato roccioso la superficie sferica dell’osservatorio, il soffuso bagliore argenteo della luna che si rifletteva opaco sul metallo del telescopio. Oltre la Cittadella, le gole dei canyon, simili ai collegamenti neuronali di un encefalo smisurato.
Erano così oscuri anche i meandri del cervello umano? Miriadi di contorti canali che s’intrecciavano tra loro in una fitta rete rugosa e contorta?
Era così che raffigurava il suo pensiero? Come un individuo che si era perso nel labirinto di roccia che aveva davanti e non riusciva a trovare l’uscita? Era così che si sentiva in quel momento mentre ricercava la soluzione dello stato in cui versava?
Guerriero appoggiò la testa contro la roccia.
Non era ancora riuscito a trovare il bandolo della matassa; cosa ancora peggiore, stava cominciando a spazientirsi. Più si sforzava di trovare la soluzione, più aveva l’impressione che il tempo accelerasse e venisse meno.
Pensa ai Demoni che ti hanno seguito.
Erano state le parole di Maestro.
Dove voleva che arrivasse?
Di certo il riferimento che cercava non era da trovare negli scontri avuti con loro.
Prese in mano un sasso, fissando intensamente la sua forma liscia e rotonda. Erano occorsi centinaia d’anni e l’azione ininterrotta della natura per levigarlo da ogni asperità; un lavoro lungo e paziente, che un semplice evento fortuito poteva andare a infrangere o a perturbare. O un banale capriccio del destino.
Fissò il bordo del pendio, stringendo con forza il pugno attorno alla dura superficie, tendendo i muscoli del braccio. Sarebbe bastato il movimento di una parte del corpo per cambiare la forma della pietra: la semplice volontà di un uomo avrebbe mutato il lavoro di secoli di svariati agenti naturali. Quanto tempo sarebbe occorso perché di nuovo si ripresentasse qualcosa di simile?
Tornò ad appoggiare il sasso.
La distruzione era talmente insita nell’essere umano che era diventata un processo automatico e inconsapevole. Quante cose erano andate distrutte e perdute in quella maniera?
Scese dalla roccia dove si era seduto.
Cercare di pensare ad altro non era servito a farlo rilassare. Il silenzio della notte non era stato d’alcun aiuto.
Posò lo sguardo sull’Osservatorio. A differenza di Maestro non sapeva trovare risposte guardando le stelle; anche se fosse stato capace di leggere i segni del firmamento, non aveva la benché minima idea di come avviare e settare il telescopio. Non sapeva nemmeno in che direzione puntarlo.
Come aveva sempre fatto, doveva contare solo sulle proprie forze.
Forse fare quattro passi avrebbe aiutato ad allentare la tensione.
S’avviò lungo il sentiero che costeggiava il costone roccioso. Ammantato dal buio creato dalla parete, scese lungo il percorso polveroso, fermandosi dinanzi al bivio: prendere la strada che portava verso il nucleo del centro abitato o continuare a scendere fino alle pendici della montagna? In fondo non c’era molta differenza: data l’incapacità di riuscire a prendere sonno, probabilmente si sarebbe trovato a girare tutta la Cittadella.
O forse no.
Si ritrasse all’interno dell’androne di una delle basse, squadrate abitazioni che si mimetizzavano nella roccia. Due figure si stavano dirigendo nella sua direzione.
“Non sono l’unico a soffrire d’insonnia.”
«Allora non hai trovato nessuno nella città a nord.»
Guerriero riconobbe la voce di Marelyn.
«Solo palazzi in rovina e automezzi arrugginiti.»
Sogno: doveva essere appena tornato dalla missione.
«Nessun segno di vita?»
Guerriero vide la sagoma scura dell’uomo scuotere il capo. «Chi ha vissuto in quel luogo è morto da tempo: non sono rimaste che ossa.»
«Sono stati i Demoni?» Chiese Marelyn preoccupata.
«Credo di no, anche se non ho la certezza assoluta. Sembra l’azione di un’epidemia; ma si sa che i Demoni sono capaci di tutto.» Si fermò pochi passi prima d’entrare nell’area rischiarata dalla luce lunare. «Tuttavia c’è un’altra eventualità.» Aggiunse Sogno pensieroso.
«Quale?» Marelyn si fermò al suo fianco.
«Quelle persone si sono lasciate andare: hanno smesso di lottare per la vita.» Disse mestamente Sogno. «Le ho trovate sdraiate nei loro letti: si sono fermate ad attendere la morte, senza fare nulla per cambiare la realtà.»
Immagini di fiamme, riflessi metallici e persone vestite con tuniche nere balzarono nella mente di Guerriero. Fu come se una fredda mano si fosse posata sul cuore e avesse cominciato a stringere.
“Ne sei davvero sicuro, Sogno?” Pensò Guerriero trovando analogie con la tragedia che l’aveva travolto.
«Comunque siano andati i fatti, la missione ha avuto esito negativo.»
«Quindi Maestro si sbagliava e neanche là si trova la città del Demone cui diamo la caccia.»
Sogno entrò nel cerchio di luce lunare. «Credo che Maestro sapesse che con molte probabilità non si trovava in quel luogo. Ma non avendo certezze assolute, non ha voluto lasciare nulla al caso.»
“Allora è questa la natura delle sue uscite.” Costatò Guerriero. “Che stia cercando la strada che dovrebbe venirci incontro?”
«Le cose stanno per cambiare.» Sogno volse lo sguardo al cielo. «Ci stiamo avvicinando alla maturazione dei tempi.»
«Ti fidi delle parole di Maestro?» Una punta di dubbio emerse nella domanda di Marelyn.
«L’ho visto.» Sussurrò Sogno con il naso rivolto alla luna.
«Come sarebbe a dire?» Chiese perplessa Marelyn.
Nella luce argentea, Guerriero vide Sogno abbozzare un enigmatico sorriso. «Non posso dire il modo in cui si verificherà, ma avverrà.»
Marelyn si morse un labbro. «E’ per questo motivo che continui a rifiutare?»
Sogno s’avviò verso lo spiazzo che fungeva da campo gioco per i bambini.
«Perché non possiamo stare insieme?»
L’uomo si fermò. «Non sarebbe la scelta migliore. Ti senti attratta da me, ma quello che ti attira non sono io, ma l’ideale a cui anelo. Ti sei innamorata di un’astrazione, bella, ma fuggevole.»
«Mi sono innamorata di te per quello che sei e fai.»
Sogno scosse il capo. «Ti sei innamorata di un’idea nata dal vuoto lasciato dal mio essere lontano dalla Cittadella. Nell’assenza hai creduto d’aver incontrato l’amore, ma è stato un tuo bisogno a creare quel sentimento che va a mostrare una tua mancanza.»
Marelyn strinse le labbra fino a farle diventare due linee sottili. «Mi stai dicendo che amare è un errore?»
«Amare non è mai sbagliato. Può essere sbagliato il soggetto su cui si riversa il sentimento.»
Marelyn rimase di stucco. «Non capisco.»
«L’amore aiuta a crescere, ancora di più se condiviso con altre persone. Ma in questo caso investiresti in un rapporto che ti porterebbe solo illusione e delusione.»
Guerriero vide una lacrima brillare negli occhi della donna.
«Mi stai dicendo che non mi ami?» Sussurrò in un soffio Marelyn.
Sogno scosse il capo. «Non è questo che sto dicendo. A stare con me avresti solo da soffrire, come in questo momento. Anche se non è mia intenzione, ti sto ferendo e così sarebbe sempre. Questa è sofferenza, non amore. E non voglio che le persone a cui tengo soffrano a causa mia.»
«Io…»
«So quello che stai per dire, ma ascoltami. Stando con me non avresti nulla in mano: sprecheresti la vita accorgendoti troppo tardi dell’errore commesso e ti sentiresti tradita. Io sono Sogno e non c’è posto per me in questa realtà: non posso farne a meno, è la mia verità, l’unica cosa che ha senso.» Si voltò verso la donna. «Tu riesci a vivere in questo mondo: io no, se non per qualche breve sprazzo. Per poter stare con me, dovresti essere come me, ma alla lunga questo modo di vivere ti stancherebbe.»
«Perché?» Chiese Marelyn con dolore.
«Perché ricerco qualcosa di grande, più grande di questo mondo. Un anelito che non si può adattare a questa esistenza. L’esistenza nella Cittadella o in un’altra città, quando il regno dei Demoni sarà caduto, non fa per me. La ripetitività quotidiana che conducono le persone è per me un limite troppo stretto da poter accettare. Non posso accontentarmi di vite del genere, ricercando forme di felicità di cui la maggioranza s’accontenta.»
Marelyn s’avvicinò titubante di un passo. «Che cosa vuoi dire?»
«Amicizia, amore, rispetto, prudenza, modestia, ragionevolezza: non possono rispecchiare me. Non nel modo in cui vengono praticate di consueto.»
Marelyn lo guardò confusa. «Sono tutte parti presenti nella vita d’ogni persona. Cosa c’è di strano?»
Sogno scosse il capo. «Non sono parti di me.»
«Forse sei solo stanco per le continue missioni che compi: hai bisogno di riposarti.» Suggerì con tono pacato Marelyn, facendo un passo per avvicinarsi.
Sogno la fermò con un cenno della mano.
«Non ho bisogno di consigli e non sono stanco. Sono lucido a sufficienza per capire come sono: è una realtà che conosco da tempo, ma che tu non sei ancora riuscita ad accettare.» La fissò intensamente negli occhi. «Ci sono individui che non sono adatti a stare insieme ad altre persone. Io sono tra queste: non sono una persona con qualità adatte per amare. Perché io sono Sogno e nella realtà mi dissolvo, perdendo tutto il mio incanto.»
«Tu sei un essere umano, come noi.» Protestò confusa la donna. «Sogno è solamente il nome che ti è stato dato: nient’altro che una parola. Non dice chi sei veramente.»
Sogno sospirò. «Pensi davvero che sia così?» Levò il capo verso la luna. «Il nome forgia il nostro essere. L’essere rivela il nostro nome. Sono verità concatenate l’una nell’altra. La realtà è molto più profonda di quello che si vede ed è quella che ti ho detto. Sogno è effimero, è volubile. Sogno non ha sentimenti, non ha calore umano da dare. Il sentimento che provi avvizzirebbe stando vicino a me, perché Sogno non si cura di chi ha accanto, pensa solo a volare, davanti agli occhi ha solo una visione. Lascerebbe morire anche suo figlio per inseguirla. Si dimenticherebbe di mangiare, di dormire, anche di vivere: è la sua natura, non può fare altrimenti; troppo preso dalla fantasia, dall’essenza della visione che vuol far divenire, per poter curarsi degli altri. Per questo non è adatto ad avere una vita come la gente comune, ad avere persone a fianco: soffrirebbero solo.»
Marelyn lo fissò con un’espressione di dolore e rabbia, oltre che incomprensione. «Non faresti prima a dire che non hai alcun interesse per me, invece di fare questo giro di parole?»
«Non sarebbe la verità.» Sogno scosse la testa. «Tu non hai provato, tu non sai. Per un sogno si può essere crudeli. Una crudeltà non voluta, priva di volontà di danneggiare, ma pur sempre egoista, ottusa, indifferente.» I suoi occhi si fecero distanti, come se vedesse un altro mondo. «E’ come un bambino che rincorre le farfalle con un retino, ma non riesce a prenderle: è talmente preso dal rincorrerle del non accorgersi che ci sono altri che vogliono correre e giocare con lui; finché, stanchi del suo comportamento, se ne vanno. Il bambino nemmeno se ne accorge: i suoi occhi sono sempre puntati in alto, continua a provare a prendere le farfalle, per poi accorgersi che volano troppo alte per lui. Così, torna a guardarsi intorno e si ritrova solo.» Tornò a volgere il capo alla luna. «E’ spaesato e per vincere la tristezza ricerca altre farfalle cui correre dietro. Ancora e ancora.»
«Cosa c’entrano i bambini?» Lo guardò stralunato Marelyn.
Sogno parve non sentirla. «Fino a quando c’è chi ha il coraggio di stare vicino a quel bambino difficile, che si accorge a malapena di avere al fianco qualcuno. Formano una strana coppia: il sognatore e il triste compagno.» Continuò a parlare, come se lo facesse più che altro a se stesso. «Un compagno che pazientemente lo segue in tutte le avventure, nell’attesa che si accorga della sua presenza. Il tempo passa e la speranza s’affievolisce; rassegnazione e tristezza giungono, senza che nessuna emozione scalfisca il guscio che rende intaccabile la scorza del sognatore. Quando finalmente lo sguardo torna ad abbassarsi, incontra negli occhi di chi tanto l’ha adorato l’ombra della morte. Sentimenti sconosciuti si fanno largo nel suo animo: paura e rifiuto di una verità brutale e impietosa, una realtà capace di sporcare il candore del sogno. Il terrore e la non accettazione lo fanno scappare lontano, lasciando il compagno morire, incapace non solo di tentare di salvarlo, ma anche di stargli vicino. Lo shock della perdita non fa che farlo rifugiare nuovamente nel sogno: un chiudere gli occhi per non vedere la realtà, per poter continuare a sognare e non essere contaminati da niente.» Un sospiro scivolò nell’aria. «Per un sogno si può essere crudeli, indifferenti. Ma per un sogno non si può far soffrire, non ci si può dimenticare di quanti ci amano; non si può uccidere chi si ha al fianco. E’ ciò che ho fatto. Per questo mi sono dato il nome che porto: per non dimenticare.»
«Per questo mi vuoi tenere lontana?» Chiese Marelyn con occhi tristi.
«A starmi vicino s’incontra solo sofferenza. Amare è una responsabilità e non può esserci amore se si ha paura della responsabilità.» Sogno si voltò verso l’Osservatorio. «Non si può amare un vigliacco. E chi si rifugia in un sogno lo è.»
«Perché chi si rifugia in un sogno dovrebbe essere un vigliacco?»
«Perché incapace di vivere.»
«Tutti fanno degli sbagli, nessuno ne è esente.» Marelyn fece un passo in avanti. «Ormai è parte del passato.»
«Ma può tornare a ripetersi. Non serve chiudere gli occhi per cambiare la natura di un essere: non si può smettere d’essere un sognatore. Il sogno è una forza trascendentale, a cui il sognatore non può sottrarsi. Per quanto lo si ignori, trova sempre il modo di ritornare: con forza o con sottigliezza, insinuandosi alle spalle o parandosi di fronte. Alla fine si è costretti ad accettarlo.» Inspirò con calma. «La verità è che Sogno non è del mondo.» Si voltò a guardarla. «Te la sentiresti di passare l’esistenza, la testa appoggiata sulle ginocchia, triste e rassegnata, seduta al fianco di una persona che continuamente è persa in mondi che non ci sono? L’amore che provi non basterebbe, perché qualsiasi fiamma, se non alimentata, si spegne. Rimarrebbe solo cenere, ricordo di qualcosa che è morto. Non sprecare il tempo che hai a disposizione.»
La donna cercò di avvicinarsi, ma Sogno la fermò con un cenno della mano.
«Ascolta attentamente. So che sono stato la molla che ti ha portato a occuparti dei ragazzi, sperando di trovare qualcosa che ci accomunasse e ci rendesse vicini, credendo che con il tempo anche in me nascesse il sentimento capace di unirci. Questo è avvenuto, ma non nella maniera che credevi.» Continuò a parlare anche se vedeva che le parole pronunciate la facevano morire a ogni istante. «Non ti sto rimproverando; voglio farti comprendere che cosa questa scelta ti ha portato e che non devi perdere. Ricercavi l’amore, ma sei andata dalla persona sbagliata: non puoi pretendere da chi non è in grado di dartelo.» Marelyn fece per protestare, Sogno fece cenno che non aveva ancora finito. «Ma i bambini possono dare quanto cerchi: hai trovato quello che ti serve. Non cercare altrove, non lasciartelo sfuggire.»
«Ma io…»
«Ascolta: non si tratta solo di una questione personale. C’è qualcosa di molto di più del noi come singoli e dell’adesso, ma che per esistere deve fondarsi sul presente: quanto faremo adesso costruirà il futuro. Ma è un futuro fragile, che può essere spezzato da una sola azione, da una semplice dimenticanza. Un cuore giovane può essere facilmente ferito e altrettanto facilmente andare perduto.»
«Non capisco.»
«Non tradire mai la fiducia dei bambini. Hanno imparato a fidarsi di te e ti hanno dato il loro amore. Tu sarai la loro guida: da te impareranno una nuova vita e da questa vita sorgerà il futuro per cui tanto abbiamo lottato.»
«E’ troppo quello che mi stai chiedendo: non è questo che volevo.»
L’espressione assente dell’uomo divenne affilata come una lama. «Non puoi più tornare indietro: ora sei responsabile delle loro vite, ora sei depositaria del loro futuro. Da questo dipenderà se sarà un nuovo inizio o il continuo di questa misera esistenza. Per ciò non devi tradire la fiducia dei bambini e devi stargli sempre vicino. Perché se non lo farai, arrivati a questo punto, la perdita sarà più grave di quanto tu possa immaginare. La fiducia, come l’amore, è qualcosa di fragile che va coltivato e mai tradito se si vuole farlo continuare a esistere.»
«Non sono così importante come dici.» Marelyn si ritrasse dallo sguardo intenso di Sogno.
«Tu per loro sei una madre.»
«Stai esagerando…» Si schernì la donna.
«Sono Orfani!» Sogno interruppe la sua protesta. «Abbandonati fin da piccoli a se stessi, senza mai qualcuno che avesse per loro una parola di conforto, un gesto gentile. Nessuno li ha mai protetti, nessuno gli ha mai insegnato qualcosa: sanno solo cosa significa essere feriti. Hanno conosciuto la parte peggiore dell’esistenza: per loro la vita è dolore. Hanno imparato a cavarsela da soli, a sopravvivere in mezzo a rovine e violenze, ma a che prezzo? Si sono induriti, sono divenuti come pietre: hanno perso ciò che di più prezioso hanno. A furia d’essere traditi sono divenuti traditori; talmente traditori da tradire anche se stessi. Ma sono ancora in tempo per ritrovarsi, per evitare di divenire adulti cinici e aridi: ora hanno la possibilità di ricominciare tutto da capo, sapendo che non sono più soli, ma che possono contare su altre persone, che i bisogni possono essere superati cooperando con chi si ha al fianco.»
«Sogno, tutti noi siamo Orfani.» Notò mestamente Marelyn. «Tutti noi abbiamo incontrato lo stesso fato. Solo per loro può esserci speranza?»
«Sarà un aiuto reciproco: è questo quanto stiamo creando alla Cittadella. Un disegno che porti speranza a tutti.»
«E per te non c’è speranza?»
Sogno distolse lo sguardo. «Il centro della questione non sono io, ma loro: ho già fatto la scelta del cammino da percorrere, ho avuto la mia possibilità. Quegli orfani non ne hanno avuta alcuna.» Tornò a voltarsi verso di lei. «Ma con te ora possono averla, possono conoscere qualcosa di nuovo.»
«Perché io?»
«Sei stata la prima persona che li ha seguiti e accuditi e hanno cominciato a credere che la vita sia altro. Per quanto la si schiacci e la si ferisca, la fiducia non può essere uccisa; ignorata, certo, reclusa, anche, ma non può morire. E’ parte dell’Essenza.» Sospirò stancamente. «Ora che è stata ritrovata, non può essere perduta di nuovo: non c’è sofferenza peggiore di quando si è privati di qualcosa di prezioso.»
«Perché soltanto io?» Marelyn lo guardò sconcertata. «Ci sei anche tu: sei una figura che hanno preso a esempio. Si sono legati a te molto più che a me.»
Sogno rimase in silenzio a lungo. «Con la vita che conduco io,» disse a bassa voce quando riprese a parlare «non esistono certezze di nessun genere.»
Marelyn sentì il midollo nelle ossa ghiacciarsi. «A che cosa ti riferisci? Sta per succedere qualcosa?»
«Niente di più di quanto succede sempre.» Disse stancamente Sogno. «Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero.»
«Che cosa significa?» Chiesa perplessa Marelyn.
«La caducità della vita su questa terra. Chi combatte rischia di morire in ogni istante, partecipando a una delle tante battaglie che solcano la terra, in una delle molte guerre che l’hanno ferita. Morire sapendo d’essere soltanto uno dei numeri che formano una cifra che mai avrà fine.» Si spostò verso l’oscurità di un vicolo. «Non posso essere quello di cui hanno bisogno; al loro fianco occorre una figura diversa da quella che io sono.»
«Ma io non potrò esserci per sempre!» Protestò la donna.
Sogno annuì. «E verrà il giorno in cui si allontaneranno e cominceranno a camminare da soli, a decidere per la loro vita, cooperando con gli altri. Un giorno saranno uomini e donne, individui completi, ma ora sono Orfani e hanno bisogno di una madre.»
«Come hanno bisogno di un padre. E tu sei questo per loro.» Puntualizzò Marelyn.
«La madre dà vita e nutrimento, aiuta a crescere; il padre dà protezione. E quando si protegge un figlio si può perdere anche la vita. Per questo la madre deve essere preparata a dover sostenere il peso della famiglia da sola. Tu devi essere pronta a questo.»
«Non ne sono capace!»
«Imparerai. Per loro troverai la forza, la risposta ai loro bisogni; dovrà essere così, perché non gliela potrà dare il mondo esterno, dato che ha già dimostrato la sua mancanza. Tu gli farai vedere come si fa a essere ciò che si vuole: gli insegnerai a lasciarsi alle spalle il dolore e ad aprirsi al mondo nuovo.» Sogno riprese a camminare lungo la discesa.
«Tu fai tanto per gli altri, desiderando per loro un futuro diverso.» La voce di Marelyn lo raggiunse a metà della pendenza. «Non c’è nulla che desidereresti per te?»
Sogno, con lo sguardo rivolto al suolo, fece un sorriso mesto. «Non essere quello che sono.»
«Perderesti il tuo essere speciale.» Ribatté Marelyn trattenendo le lacrime.
«Sacrificherei quanto sono per ottenere quello che non posso avere.» Sogno riprese a muoversi, poi si fermò. «Tu cosa desidereresti?»
Marelyn fece un lungo respiro tremante. «Vorrei tornare al tempo in cui ti ho incontrato, quando ancora tutto era nuovo tra noi e c’era speranza. Perché voglio che la primavera torni a sbocciare nel mio cuore.»
L’uomo fece un cenno d’assenso. «Capisco.» Mormorò sparendo nel buio del vicolo. «Non rimanere in attesa di ciò che non può più tornare.»
Marelyn rimase immobile ai bordi dello spiazzo, una statua di carne baciata dai raggi lunari.
Dalla copertura dell’androne, Guerriero la fissò con un misto di sentimenti che non riusciva a districare. Quella faccenda non lo riguardava per nulla: perché allora si sentiva toccato dalla scena cui aveva assistito?
La bocca dello stomaco sembrò serrarsi, un peso posarsi sul petto: una pressione costante che faceva sentire la sua presenza. Prendeva alle viscere come la paura, ma era un formicolio sordo, insistente.
Dolore.
Dolore anche dove doveva esserci pace.
Dolore anche senza Demoni.
Una forma diversa, certo, ma era sempre sofferenza. Una presenza viva e lucida che incalzava come le onde sulla spiaggia. Un dolore che si ritirava lasciando i suoi segni e che subito dopo ritornava per rimarcarli. Ancora e ancora.
Infettava tutto quanto, rendendo ogni cosa più cupa, la brillantezza dei colori risucchiata lontano, come se in essi fosse colato l’umore del nero. Dovunque lo sguardo si posasse, tinte cupe si affollavano intorno alla visuale, come sagome di corvi appollaiati su rami secchi privi di corteccia. Ombre che lo seguivano a ogni sguardo. Cappe nere che svolazzavano beffarde, rintuzzando spietate le braci della disperazione.
Non c’era speranza nel mondo.
Spostò un piede, urtando un ghiaino e facendolo rotolare sui gradini sottostanti. Sottili rintocchi proseguirono lungo il selciato perdendosi nella notte.
Si ritrasse verso il fondo dell’androne: Marelyn si era voltata verso la sua direzione, fissando lo spazio oscuro che celava l’ingresso all’abitazione. Restò alcuni istanti a fissarlo, poi s’avviò con passo stanco lungo le vie che conducevano al centro della Cittadella.
Non doveva averlo visto. Sarebbe stato imbarazzante essere scoperto ad assistere a un dialogo privato e non saper spiegare la sua presenza in quel posto.
Rimase in attesa ancora alcuni istanti, poi riprese a muoversi lungo le vie deserte, lanciando continue occhiate alle linee dei canyon.
In quel mondo piagato e spezzato, sentiva le terre che aveva dinanzi aliene.
O forse era lui a essere un extraterrestre in un pianeta che sentiva sempre estraneo a se stesso.
Sospirò.
Non aveva scelto lui di venire alla luce in quella terra, non era stata una sua decisione; tuttavia subiva le conseguenze di tale scelta. Che ci fosse un qualche dio nell’universo, come spesso si era creduto, o fosse l’Essenza a guidare la vita, come asseriva Maestro, doveva avere le idee confuse oppure possedere un animo davvero contorto. O, cosa più probabile, era lui che si era perso in mezzo agli intricati canali del caos.
Forse tutti gli uomini erano così: dei dispersi, dei reduci di un’altra esistenza finiti in una terra straniera e inospitale.
Come lo era Sogno.
Come lo era lui stesso.

Sono diverse le cose

No Gravatar

di cui non ho comprensione: atteggiamenti, ripetersi di errori e copioni, alle volte con una cadenza e una cronicità quasi cronica. Forse questo accade perché ci sono delle lezioni che la vita vuole trasmettere e far sì che facciamo nostre.
Ma non era questo di cui volevo parlare. Certo, il discorso sarebbe ampio e interessante, ma quello che mi ha fatto pensare a cose che non capisco è molto meno filosofico, più concreto e riguarda l’editoria e le sue scelte: di pubblicazione, di mercato, di prezzi.
Ecco proprio quest’ultimo punto, il prezzo, mi ha fatto sorgere alcuni dubbi. Di esempi ce ne sarebbero tanti, ma prendo in questione un autore i cui suoi libri sono pubblicati dalla stessa casa editrice, quindi non si corre il rischio di avere approcci o strategie diverse.
L’autore in questione è Brandon Sanderson e l’editore Fanucci. I dubbi sono sorti con la nuova edizione del ciclo Mistborn.
Già quando uscì La Via dei Re, ritenni il prezzo applicato per tale tomo eccessivo (30 E). D’accordo, il romanzo è corposo (più di milleduecento pagine) si è mantenuta la copertina originale, la copertina è rigida con sovraccoperta, cartine a colori, illustrazioni all’interno e all’inizio dei capitoli, ma in altri paesi il prezzo era minore (20 E), avendo lo stesso formato.
Il Conciliatore, volume sempre corposo (quasi settecento pagine), sempre copertina rigida con sovraccoperta, è stato pubblicato con un costo di 16.90 E.
In questo mese è uscito il nuovo romanzo pubblicato in Italia di Sanderson, La legge delle Lande, sempre della serie Mistborn: lungo 341 pagine, rilegato in brossura, ha un prezzo di 14.90 E. Due euro di differenza con il libro precedente, che ha il doppio di pagine e una rilegatura differente.
Con questa nuova uscita, è stata pubblicata anche la nuova edizione dei tre volumi della saga Mistborn che l’hanno preceduto (L’Ultimo Impero, Il Pozzo dell’Ascensione, Il Campione delle Ere) a un prezzo di 16.90 E rispetto al precedente che era di 22 E. Le uniche cose che sono cambiate sono le copertine (di qualità e impatto molto minore rispetto alle precedenti), mentre la rilegatura è sempre la stessa, così come il formato, dato che si ha lo stesso numero di pagine; può essere cambiato il tipo di carta usata, ma cinque euro e passa di differenza mi sembrano eccessivi con solo questi cambiamenti, dato che praticamente si è di fronte allo stesso libro. Non mi lamento del nuovo prezzo, ma di quello precedente.
Sarebbe interessante conoscere come vengono ponderate e prese certe decisioni.

Passeggiata nel fiume

No Gravatar

Il valore delle cose

No Gravatar

Qualsiasi cosa, per essere apprezzata e non sprecata, deve essere conquistata. Occorre impegno, sacrificio, superare limiti e ostacoli: attraverso la fatica arrivare a comprendere il suo valore. Se così non avviene, è un dare le perle ai porci, permettere che ciò che è prezioso non sia apprezzato e gettato nel fango.
Quanti, delle generazioni attuali, sono viziati, capricciosi, superficiali, perché gli è stato dato tutto, dato che basta che semplicemente chiedano per ottenere?
La maggior parte. Sia per quanto riguarda i beni materiali, sia per quanto riguarda valori morali, etici, spirituali. Hanno avuto tutto senza fatica e ritengono che tutto gli debba essere dovuto. Non sono stati abituati a darsi da fare, a conquistare, per questo quando si trovano di fronte a qualche difficoltà crollano o fanno qualche colpo di testa, di cui poi si ritrovano a pentirsi e a chiedere perdono.
Proprio sul perdono verte la riflessione.
I miti, di qualsiasi cultura esistita, hanno sempre narrato di individui che per espiare le colpe commesse dovevano compiere delle imprese lunghe, faticose, che richiedevano tempo. Tempo perché potessero riflettere sull’errore commesso, capire cosa l’aveva spinto a commetterlo. Tempo e fatica per maturare una consapevolezza maggiore, per capire che per ottenere qualcosa occorre dare qualcosa, occorre impegnarsi, darsi da fare, perché nulla che ha valore viene regalato, si ottiene facilmente.
Un mezzo per far evolvere, per far cambiare, per rendere migliori. Emblematico è il mito di Eracle che si reca all’oracolo di Delfi per trovare un modo per scontare la sua colpa e gli viene dato il compito di superare le Dodici Fatiche.
Qualcosa di simile è stato preso, anche se modificato, con la confessione cristiana, dove il credente, dopo aver confessato i propri errori, riceve una penitenza da fare, spesso recitare delle preghiere. Il modo non è sbagliato, ma con il tempo ha perso efficacia, non si ha consapevolezza di quello che si fa, infatti gli errori continuano a essere ripetuti senza che li si comprenda e si riesca ad andare oltre. La gente pensa di cavarsela ed essere a posto con formule recitate meccanicamente; in questo modo però non si mettono in moto i meccanismi che portano a cambiare. Si pensa che basti dire l’errore e dire qualche preghiera per essere a posto.
Così è nei rapporti con gli altri. Si pensa che basti chiedere scusa e si è a posto, lavagna pulita, come se niente fosse, tutto bello come prima.
Ma non basta il dire, occorre anche il fare, dimostrare con i fatti, gli atteggiamenti, l’essere: è questo che conta veramente.
Ma in questa società, chi fa sono veramente in pochi: si è solo capaci di pretendere, che tutto venga dato solo perché richiesto. Ma così tutto perde significato, perde valore.

Abbondanza e carestia

No Gravatar

Or avvenne, in capo a due interi anni, che il Faraone fece un sogno. Egli stava presso il fiume, ed ecco salire dal fiume sette vacche, di bell’aspetto e grasse, e mettersi a pascolare tra i giunchi.
Dopo quelle, ecco salire dal fiume altre sette vacche brutte di aspetto e scarne, e fermarsi accanto alle prime sulla riva del fiume.
Ora le vacche brutte di aspetto e scarne divorarono le sette vacche di bell’aspetto e grasse. Quindi il Faraone si svegliò.
Poi si riaddormentò e sognò una seconda volta; ed ecco, sette spighe grosse e belle, venir su da un unico stelo.
Poi ecco, sette spighe sottili e arse dal vento orientale, germogliare dopo di quelle.
E le spighe sottili inghiottirono le sette spighe grosse e piene. Allora il Faraone si svegliò, ed ecco, era un sogno.
Al mattino il suo spirito era turbato, e mandò a chiamare tutti i maghi e tutti i savi d’Egitto; quindi il Faraone raccontò loro i suoi sogni, ma non ci fu alcuno che li potesse interpretare al Faraone.
Allora il capocoppiere parlò al Faraone, dicendo: Ricordo oggi i miei falli.
Il Faraone si era adirato con i suoi servi e mi aveva fatto mettere in prigione in casa del capo delle guardie: me e il capopanettiere.
Entrambi facemmo un sogno nella stessa notte, io e lui; ciascuno fece un sogno con il suo proprio significato.
Ora con noi vi era un giovane ebreo servo del capo delle guardie; a lui raccontammo i nostri sogni, ed egli ce li interpretò dando a ciascuno l’interpretazione del suo sogno.
E le cose avvennero esattamente secondo l’interpretazione da lui dataci: il Faraone ristabilì me nel suo ufficio e fece impiccare l’altro”.
Allora il Faraone mandò a chiamare Giuseppe che fu subito tratto fuori dalla prigione sotterranea. Così egli si rase si cambiò le vesti e venne dal Faraone.
E il Faraone disse a Giuseppe: “Ho fatto un sogno e non vi è alcuno che lo possa interpretare; ma ho sentito dire di te che, quando hai udito un sogno tu lo puoi interpretare”.
Giuseppe rispose al Faraone, dicendo: “Non sono io; ma sarà DIO a dare una risposta per il bene del Faraone”.
Allora il Faraone disse a Giuseppe: “Ecco nel mio sogno io stavo sulla riva del fiume,quand’ecco salire dal fiume sette vacche grasse e di bell’aspetto e mettersi a pascolare tra i giunchi.
Dopo quelle ecco salire altre sette vacche magre, bruttissime di aspetto e scarne, tali che non ne vidi mai di così brutte in tutto il paese d’Egitto.
E le vacche magre e brutte divorarono le prime sette vacche grasse; ma anche dopo che le ebbero divorate, nessuno poteva riconoscere che le avevano divorate, perché esse erano di brutto aspetto come prima. Così mi svegliai.
Poi vidi nel mio sogno sette spighe venir su da un unico stelo, piene e belle; ed ecco altre sette spighe avvizzite, sottili e arse dal vento orientale, germogliare dopo quelle.
Quindi le spighe sottili inghiottirono le sette spighe belle. Io ho raccontato questo ai maghi, ma non vi è stato alcuno capace di darmi una spiegazione”.
Allora Giuseppe disse al Faraone: “I sogni del Faraone sono uno stesso sogno. DIO ha mostrato al Faraone quello che sta per fare.
Le sette vacche belle sono sette anni, e le sette spighe belle sono sette anni; è uno stesso sogno.
Anche le sette vacche magre e brutte, che salivano dopo di quelle, sono sette anni; come pure le sette spighe vuote e arse dal vento orientale sono sette anni di carestia.
Questo è quello che ho detto al Faraone: DIO ha mostrato al Faraone quello che sta per fare.
Ecco, stanno per venire sette anni di grande abbondanza in tutto il paese di Egitto; ma dopo questi verranno sette anni di carestia, e tutta quell’abbondanza sarà dimenticata nel paese d’Egitto; e la carestia consumerà il paese.
E nel paese non si ricorderà più la precedete abbondanza, a motivo della carestia che seguirà, perché questa sarà molto dura.
Il fatto poi che il sogno sia stato dato al Faraone due volte vuol dire che la cosa è decretata da DIO, e DIO la farà accadere presto.
Or dunque cerchi il Faraone un uomo intelligente e savio e lo stabilisca sul paese d’Egitto.
Il Faraone faccia così: costituisca sul paese dei soprintendenti per prelevare il quinto dei prodotti del paese d’Egitto, durante i sette anni di abbondanza.
Radunino essi tutti i viveri di queste annate buone che stanno per venire e ammassino il grano sotto l’autorità del Faraone, e lo conservino per l’approvvigionamento delle città.
Questi viveri saranno una riserva per il paese, in vista dei sette anni di carestia che verranno nel paese d’Egitto; così il paese non perirà per la carestia.

Genesi 41, 1-36

I testi sacri sono tali perché hanno potere, hanno la capacità di dare conoscenza e da essa trovare il modo di cambiare la vita. C’é la saggezza e la sapienza che appartiene all’umanità fin dall’origine, solo che è stata dimenticata. La loro forza è che non raccontano fatti di un passato lontano da chi li legge, ma parlano di elementi sempre attuali.
Il brano citato non è casuale, non parla solo dell’Egitto del passato: parla del nostro tempo. Si è avuto il tempo delle vacche grasse e ci si illude che possa tornare subito, ma i fatti sono diversi: ora è il tempo delle vacche magre.
I governanti, le popolazioni, sono state avveduti, si sono preparati per questo periodo? O hanno ritenuto che l’abbondanza sarebbe durata all’infinito, non preoccupandosi del futuro?
Ai fatti, la risposta.

Luci della notte

No Gravatar

Dialogo sull'anno 2013

No Gravatar

Lunario:
Non c’è mai pace qui sulla Terra!
ormai siam quasi col sedere per terra!
Continua la crisi e la recessione,
aumentan le tasse, la svalutazione,
e come se questo non bastasse,
del terremoto ci son state le scosse.
Tante case sono crollate,
tante aziende si sono fermate,
e noi emiliani dobbiamo mostrare l
a nostra forza nel reagire!

Bulgnais:
Và trancuéll al mî umarèl !
Anc se uaès no a san méss mèl
sanza stèr tant a durmir
incosa a psaan ricostruir

Lunario:
Noi che siamo genti tenaci
di fare le cose siamo capaci,
ma la classe politica è inconcludente
non ci ha aiutato quasi per niente,
pensa solo alle elezioni
e non sa prendere decisioni.

Bulgnais:
Al savan nó che in burocrazî
l é tant difezzil cavèri i pi
mo intànt a tacan a lavurèr
a prodúser e a guadagnèr!

Lunario:
Il Governo tecnico di Monti e compagni
vuole ottenere grandi guadagni n
el duemilatredici con grande slancio
mira a pareggiare il nostro bilancio.
Tasse, accise, ma quanti quattrini
debbon pagare i bravi cittadini?

Bulgnais:
brîsa tuchèr l argumànt dal paghèr
sàul a pinsèri l um fà incazèr!
Lavaura, lavaura e quall ch ‘as guadàgna
piò dla meté al Guéren a t al màgna!

Lunario:
Avete ragione a lamentarvi
però dovete prepararvi
perchè il futuro non è migliore:
per i vostri figli e le vostre nuore,
trovar lavoro sarà molto dura,
e la pensione non è più sicura.

Bulgnais:
Lasan mo stèr al malincunî
andàn avanti e brîsa indrî,
a fàn i augàri a fotta la zànt
ed vivr un bàn àn trancuéll e cuntént
Stè aligher e in salut che la vétta l ‘é bèla
toc e dài la zirudèla!

Giuliano Piazza – Lunario Bolognese 2013

La legge delle lande

No Gravatar

Quarto capitolo della serie Mistborn di Brandon Sanderson.
Il mondo è andato avanti. Il mondo cosparso di cenere delle Dominazioni dopo aver sfiorato la distruzione totale è rinato, tornando a essere quello che era stato al tempo della sua creazione. La civiltà medievale perdurata per secoli e secoli è evoluta in un breve lasso di tempo, la tecnologia ha fatto balzi in avanti, ricordando il periodo dell’800 del nostro mondo, con macchine a vapore e armi da fuoco. La copertina dell’edizione italiana edita da Fanucci rende l’idea, anche se lo fa meglio quella americana della Tor, di atmosfere western, facendo immaginare un’epoca più concreta e meno epica, come lo è stata quella precedente. Dei personaggi di allora rimangono le imprese narrate che sono divenute leggende, culti, religioni; nuovi protagonisti s’affacciano sul mondo ora chiamato Scadrial.
La lettura dirà se le nuove vicende e i nuovi personaggi sono capaci di evocare le emozioni di cui i predecessori sono stati in grado di fare.