Racconti delle strade dei mondi

Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Archivio

Un altro anno che se ne va

No Gravatar

un altro anno che se ne va

L’anno che se ne va è stato un anno di violenza. Donne uccise come mosche (femminicio è stata scelto per questo come parola dell’anno), fronti di guerra che non fanno che crescere (non bastavano l’Ucraina e i tanti conflitti non menzionati nei tg in Africa, ma ci si doveva aggiungere quelli tra Israele e Palestina, senza contare quello possibile nel Mar Rosso) e la crescente voglia di violenza che certe nazioni hanno (Iran su tutti, un paese guidato dal fanatismo, dove si ammazzano le donne solo per un velo mal posizionato e chiunque sia sospettato di spionaggio).
Un anno dove la politica continua a non fare nulla per il paese e la popolazione, ma si esalta e si elogia per cose che non ha compiuto, prendendo in giro le persone ritenendo che gli si possa far credere tutto quello che si vuole.
Un anno come tanti, si potrebbe dire, dato che è un continuo ripetersi di cose già viste, solo che pare che dopo la pandemia la gente si sia impegnata a dare il peggio di sè e non a tirare fuori il meglio che ha.
Un anno che verrebbe da dire sarebbe meglio dimenticare. Ma sarebbe un errore, perché a furia di dimenticare, soprattutto voler dimenticare, quello che di sbagliato si è fatto si ripeterà negli anni futuri. Per questo occorre fissarsi bene nella mente questi sbagli, questi orrori e tenerli ben vivi per far sì che non si ripresentino: solo così si potranno avere dei migliori anni a venire.

 

P.s.: qualcosa per riflettere: https://www.fanpage.it/esteri/il-2024-non-e-ancora-iniziato-e-gia-assomiglia-a-un-incubo-orwelliano/

2 comments to Un altro anno che se ne va

  • Lascio da parte la politica, su tante cose che hai scritto potrei concordare, con qualche eccezione, ma per me il 2023 sarà importante per alcuni dolorosi fatti personali, ovvero persone care che non ci sono più.
    Il lutto privato deve per forza prendere la precedenza.

    Certo che anche dal punto di vista dei conflitti sono successe cose drammatiche e forse ricorderemo quest’anno 2023 come il piano inclinato che portò a tragedie ancora più grandi.

    Speriamo di no.

    • Mi spiace per quello che ti è successo; purtroppo sono cose che prima o poi tutti debbono averci a che fare. Si spera sempre che non succeda o succeda il più tardi possibile (a meno che non si sia noi i primi ad andarsene, ma anche questa non è una bella cosa), ma li si deve affrontare. Anche se è dura, davvero dura. Fatti forza.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>