Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Giugno 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Mondi di Lovecraft

No Gravatar

Lovecraft ha lasciato un forte segno nella letteratura (non solo di genere), ma anche nell’immaginario comune: le atmosfere oniriche delle sue opere (spesso ispirate dagli incubi dello scrittore), il senso d’impotenza dei personaggi dinanzi a qualcosa di troppo grande per essere comprensibile alla mente umana, le divinità aliene così lontane dall’immaginario cristiano o di qualsiasi altra religione, sono stati qualcosa che è rimasto nei lettori e anche in chi non ha conosciuto i lavori dello scrittore, data l’influenza che hanno avuto su film, fumetti, videogiochi, giochi da tavolo, musica.
La copertina Mondadori di Cthulhu - I racconti del mito di LovecraftTra le sue creazioni più famose c’è sicuramente Cthulu, uno dei Grandi Antichi, gigantesca creatura aliena giunta sulla Terra quando il pianeta era agli albori, e il Necronomicon, il famoso libro dei morti; quest’ultimo, un tomo all’interno delle sue opere, ha talmente colpito l’immaginario che diversi hanno creduto e credono ancora che esso esista veramente, non importa che l’autore abbia smentito la sua esistenza, asserendo che era soltanto un’invenzione della sua mente.
Perché i lavori di Lovecraft creano un fascino così potente?
Uno degli elementi più forti è la ricerca di una conoscenza proibita, sconosciuta, perché le conoscenze attuali sono insufficienti; una ricerca che a tratti è ossessiva, disperata e che porta alla scoperte di cose che arrecano solamente danno, che non solo non danno le risposte cercate, ma che fanno rimpiangere di averle inseguite. Un destino in cui spesso incorre l’uomo. Certo questa visione non è molto ottimistica, ma è proprio questo un altro elemento delle opere di Lovecraft: un pessimismo dilagante, dove non c’è speranza per nessuno. L’uomo non è importante, al centro di tutto, come tanti pensano sia, ma è qualcosa d’insignificante, schiacciato da forze soverchianti: non ha scampo contro di esse, può essere solo spettatore terrorizzato, incapace di mutare alcunché. In Lovecraft l’orrore regna sovrano, ma non è un horror come tanti film ci hanno mostrato (le cosiddette pellicole splatter), dove c’è sangue e smembramenti, bensì un horror che colpisce la psiche, che sconvolge la mente: si tratta di un qualcosa d’interiore, un tormento dal quale non si può scappare e che forse solo la morte può liberare. Ma anche qui non c’è da sperare di trovare consolazione, un aldilà benefico dove incontrare la pace. Non per niente in La città senza nome, Lovecraft scrive “Non è morto ciò che può vivere in eterno, e in strani eoni anche la morte può morire”.
Sogni (o meglio, incubi) ricorrenti, città gigantesche, creature spaventose, forze sinistre che non danno pace sono alcuni degli elementi che si possono incontrare nelle opere di Lovecraft. Per chi fosse curioso di conoscere un po’ di più di questi mondi, ma non volesse comprare i libri, c’è la visione di questo video dove, attraverso un libro game, Giada Cristina Bessi e Marco Mottura ci mostrano Il Richiamo di Cthulhu; se invece si vuole qualcosa di più “inedito”, ma con sempre atmosfere lovecraftiane, c’è Il mistero di La Fontaine, campagna a cui sto partecipando online.

4 comments to Mondi di Lovecraft

  • Alcuni dei racconti di Lovecraft mi piacciono, altri mi prendono assai meno. Ma la sensazione di angoscia filosofica, ovvero l’uomo a tu per tu con un universo malevolo che può schiacciarlo in qualsiasi momento, è un contributo importante e originale, una rivoluzione dell’horror.
    A dire il vero i normali fenomeni cosmici e l’evoluzione spontanea del nostro pianeta (cambiamenti di asse, campo magnetico, eruzioni, catastrofi ecc…) danno un po’ la stessa sensazione, se uno se ne occupa.

    • Ti dirò, non mi era venuta in mente l’associazione con i fenomeni del cosmo; Lovecraft per me è legato a qualcosa di oscuro, che viene dall’inconscio. Qualcosa che si tende a evitare d’affrontare.

  • A dire il vero non so se l’associazione sia venuta mai in mente a Lovecraft perché ai suoi tempi quello che si sapeva era un pochino più limitato.

    Comunque gli eventi che sono avvenuti e continueranno ad avvenire sulla Terra sono impressionanti. Glaciazioni o periodi caldi indipendentemente dalle attività dell’uomo, asteroidi ed eruzioni che creano estinzioni globali, tempeste magnetiche, l’asse terrestre che si inverte… La presenza dell’uomo copre un periodo brevissimo, e per la nostra esperienza ci illudiamo di essere in una culla accogliente e stabile, ma non sarà sempre così.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>