Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Aprile: 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere – Preludium – V Esplosione – Parte II

No Gravatar

I bagliori della città rendevano la cima della collina una danza di rosso, giallo e arancione. Uno sferzare selvaggio di lampi e ombre screziava l’orizzonte.
“Molto coreografico.” La donna sdraiata sotto l’albero osservò il cielo nero della notte indietreggiare sotto l’incalzare del gigantesco falò che era diventata la città. “Davvero un magnifico incendio.”
Quanti spettacoli simili aveva assistito nella sua vita. Quante persone erano state legate a essi. Sì, erano stati bei tempi. Ma non erano gli individui a mancargli, ma le emozioni che avevano vissuto e che in un qualche modo avevano condiviso con lei.
Un pizzico di quello che poteva essere etichettato come rimpianto la pervase, lasciato però dissolvere sul nascere. “E’ inutile cercare di far rivivere nel presente quanto trascorso: il passato non ritorna. Perciò quei momenti sono eterni: perché sono unici. Provare a farli tornare, farebbe rivivere delle ombre, delle cose morte, come gli zombi: l’eternità è nel ricordo, finché questo perdura. Ecco cos’è quello che tanto spesso gli uomini ricercano.”
Un fruscio dell’erba la riscosse dai suoi pensieri.
«Devi essere sempre di cattivo umore?» Borbottò vedendo il volto affilato dell’altro mentre copriva ad ampie falcate i metri mancanti alla sommità della collina.
L’uomo la fulminò con un’occhiata rovente.
«La città è in fiamme.» Sbottò seccato.
«Difficile non vederlo.» Costatò serafica lei.
«E’ tutto quello che hai da dire?» Abbaiò l’altro.
Una scrollata fece sobbalzare le molli spalle. «Quel che è fatto non può essere cancellato.»
Un grugnito si levò dalle labbra tese e serrate dell’uomo. «Deve essersi lasciato prendere la mano.»
«Come succede spesso a te.» Fu la candida constatazione. «Era un’eventualità da prevedere: dovresti averlo saputo, conoscendo la natura della fonte.»
Il volto affilato di lui scattò con fare minaccioso. «Critica finché ti pare, ma non puoi negare l’evidenza.» Un’espressione di trionfo si dipinse sulla labbra. «La città è caduta ai miei piedi. Il mio campione ha vinto. Io ho vinto.»
La donna reclinò il capo, un barlume divertito negli occhi socchiusi. «Tu hai vinto? Se vuoi spiegare come fai a fare un’affermazione del genere, potresti schiarirmi le idee.»
«Non vedo il tuo Potere in azione e nemmeno il tuo campione. O è stato distrutto incontrando malauguratamente il mio oppure non ha fatto in tempo nemmeno a scendere in campo.»
«Ah.» Disse la donna inarcando un sopracciglio. «Non ti sembra un quadro della situazione un po’ riduttivo?»
«Neghi l’evidenza?» Fu la rabbiosa reazione.
«Quanto vedo è che la città è in fiamme.» Fu la constatazione laconica. «E presto sarà completamente distrutta: come fai a dire di aver vinto, se il trofeo della contesa viene perduto?»
«Cosa vuoi dire?» La guardò in cagnesco l’altro.
«Che hai perso.» Sentenziò l’essere seduto. «Tu volevi il controllo della città, della sua popolazione, ma ora che cosa ti rimane? Solo macerie.» Fece un cenno con la mano indicando i palazzi avvolti dalle fiamme. «Dov’è allora la vittoria?»
Lo sfidante volse lo sguardo alla città, serrando la mascella. La pelle, sotto la luce delle fiamme, prese una colorazione dorata. Un lampo dilatò le pupille, tornandolo a far girare di scatto. «Tu sapevi che sarebbe finita in questo modo. Tu sapevi che anche con la sfida tra i due campioni, la città non sarebbe andata a nessuno di noi: i nostri Poteri si contrastano annullandosi, anche se usati da altri, rendendo ogni tentativo di conquista e vittoria inutile.»
«Mi meraviglio che tu non ci sia arrivato da subito. Eppure te l’ho anche fatto notare.» La donna scosse il capo. «Ti lasci trascinare dalla tua natura.» Lo ammonì distrattamente.
I muscoli dell’altro si tesero in uno spasmo come se stesse per saltarle addosso. «Se lo sapevi già, perché hai proposto la sfida? Per divertirti?»
«Non essere sciocco: non s’impiegano energie per banalità del genere. Anche se devo dire che è servito a far passare l’attesa perché i tempi arrivassero a maturazione.»
«Che maturazione?»
«Tu non riesci a vedere più in là del tuo naso, per questo non arriverai mai lontano.» La donna si lisciò il ventre morbido. «Per te conta il subito, l’immediato, ma non riesci a comprendere che alle volte occorre perdere una battaglia per vincere una guerra. Sempre che la si voglia considerare una sconfitta.»
«Che cosa?»
«Si è sconfitti solo se si perde una cosa che interessa. Quindi non mi posso considerare tale.»
L’altro la squadrò schifato. «Sei forse impazzita?»
Mollemente la rivale s’alzò in piedi, un sorriso compiaciuto che s’andava allargando sulle guance cadenti. «Sai, la tua semplicità fa quasi tenerezza. Lascia che ti riveli una cosa: la città non m’interessava come potevi credere.»
«E allora perché mi hai proposto la sfida per avere il controllo su di essa?»
«Povero sciocco. La città era caduta nelle mie mani prima ancora che tu arrivassi quaggiù. E non te ne sei reso conto. O non hai voluto, credendo di poter vincere lo stesso, di avere la meglio su di me. Mi hai considerato debole perché possiedo un’apparenza passiva. Ma avresti dovuto capire qual era la mia forza. In fondo me l’hai anche rinfacciato, come se fosse un difetto.»
L’altro assunse un’espressione di feroce perplessità.
«Io faccio agire gli altri per me, la mia forza è il lasciar andare che indebolisce la volontà altrui, privare d’ogni motivazione e spinta di fare. Non hai visto come tutto era decadenza? Come pensi che ti sia stato così facile insinuare i tuoi tentacoli negli animi di quelle persone?» Disse la donna in un sussurro sibillino. «Non c’era più resistenza in loro, non c’erano barriere a difenderli dai tuoi attacchi: non potevano far altro che soccombere. Arrivando qua, credevi di fare il conquistatore, di acquisire potere, ma la città era già stata conquistata perché io c’ero prima di te; tutto quello che hai fatto non è stato altro che collaborare.»
«Collaborare?»
«Sì: con me.» Nel tono molle non c’era alcuna traccia di scherzo o derisione.
La faccia affilata dell’altro si contrasse, gli occhi due sottili lame di freddo odio. «Mi stai dicendo che mi hai usato.»
«Esatto. Hai fatto quello che volevo; si può dire che in realtà tu non hai avuto nessuna scelta, solo quella di assecondare ciò che già avevo predisposto. »
Un ringhio si levò dalla gola pulsante dell’uomo. «Lo sai cosa questo comporta. O pensi di uscirne senza pagare pegno?» Scariche cremisi saettarono attorno agli avambracci. «Mi auguro che quello per cui hai profuso tanto impegno ne valesse la pena, perché ora è venuto il momento di pagarne il prezzo.»
«Certo che ne è valsa la pena.» Ammiccò lei. «E se tu fossi intelligente, ti ringrazierei, ma davvero, non vedi di là del tuo naso: ti accechi da solo. Dovresti cercare di conoscerti meglio, ma se lo facessi, non saresti tu. Ma non è più tempo di discussioni.» Sorrise sorniona. «Non starò a spiegarti il mio agire, perché non sono affari che ti riguardano. Inoltre restare qua non ha più alcun senso, per nessuno dei due: la città è distrutta, tutti sono morti e ciò per cui abbiamo lottato è sparito.» Volse un ultimo sguardo sulle fiamme che salivano lungo i palazzi come se fossero tante torri di Babele. «Lascia che ti dia un consiglio: non venirmi a cercare. Allo stato attuale delle cose, ti sarebbe impossibile battermi, dato che il mio Potere si è rafforzato e di parecchio. Di questo non hai che da ringraziare te stesso.» La massa molle del suo corpo tremolò in uno sciacquio liquido. Poi la pelle si ruppe e una massa adiposa sciabordò sull’erba in una pozza bianco acido.
Con riflessi felini, l’uomo saltò all’indietro, evitando di venire colpito dagli schizzi oleosi. Un moto di disgusto sul volto, osservò il terreno assorbire la sostanza grassa. “Se l’è squagliata; in ogni senso. Non resta altro che un’ombra liquida ad ammorbare il terreno.” Lanciò una rapida occhiata in direzione dello scoppio che aveva squassato il fianco di un grattacielo. Con una smorfia sputò per terra: tanta fatica per niente. Non aveva vinto nessuno e la città, con tutti i suoi morti, era inservibile.
«Maledetta femmina.»
Seccato, se ne andò scalciando un sasso e facendolo volare lontano nella notte.
Adesso doveva rimettersi in cerca di una nuova città che gli facesse aumentare la forza, prima che gli altri rubassero le fette di Potere più grosse.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>