Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Aprile: 2021
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Labirinto di morte

No Gravatar

Philip K. Dick ha realizzato opere che spesso sono state fonte d’ispirazione per il cinema: Blade Runner (1982), Atto di Forza (1990), Screamer – Urla dallo spazio (1995), Minority report (2002), sono alcuni dei lavori che hanno fatto conoscere il suo operato, che purtroppo non gli ha dato quel tributo economico che avrebbe meritato, come invece accaduto ad altri autori ben meno meritevoli (a esempio, Stephenie Meyer, con un successo ampiamente immeritato, dato che quanto scritto non meritava nulla di quanto ottenuto; ma si sa, alla maggior parte degli esseri umani non piace l’intelligenza, preferisce la mediocrità). Purtroppo, lo scrittore americano è venuto a mancare nel 1982, prima che le sue opere fossero trasposte cinematograficamente, permettendogli di avere quel ritorno economico e quei riconoscimenti che sarebbero stati dovuti.
labirinto di morteMa ciò che ha lasciato è stato qualcosa di notevole: intelligente, visionario, critico. Ha affrontato i temi più disparati e l’ha fatto con una lucidità straordinaria. Come è straordinario Labirinto di morte, romanzo scritto nel 1970.
Con una trama che inizialmente ricorda molto il giallo Dieci piccoli indiani di Agatha Christie (benché sia chiaro fin da subito che si tratta di un romanzo di fantascienza), ci si ritrova immersi in un’atmosfera desolata, decadente, dove i quattordici protagonisti, tutti trasferiti da altri sistemi per loro richiesta, si ritrovano raggruppati senza sapere qual è il loro ruolo, il loro scopo all’interno della piccola colonia. Cosa ancora peggiore, mentre stanno cercando di conoscere l’ambiente che li circonda, uno alla volta cominciano a morire: alcuni di morte in apparenza inspiegabile, altri commessi proprio da loro a causa del sospetto, dell’intolleranza nata dall’esser costretti a vivere nello stesso posto e dalle loro ossessioni.
In un’atmosfera tesa e claustrofobica, dove sembra non esserci nessuna speranza, nessuna via d’uscita, Philip K. Dick affronta la ricerca di Dio da parte dell’uomo, dove si è arrivato a dimostrarne l’esistenza grazie alla tecnologia: una religione governata da quattro entità (Il Demiurgo, l’istanza creatrice; il Distruttore-Di-Forme, la morte e l’entropia; l’Intercessore, che controlla il destino delle persone; Colui-Che-Cammina-in-Terra, manifestazione divina che interviene nelle loro vite), dove la preghiera raggiunge la divinità solo se viene trasmessa elettronicamente e i favori vengono concessi in base alla propria buona condotta.
Ma non è l’unico elemento che viene analizzato: vengono mostrati il vuoto e l’orrore di non sapere che scopo ha la propria esistenza, l’incapacità dell’uomo civile di provare empatia verso i suoi simili e tutta l’insofferenza, l’irritabilità che sfocia in odio quando si è costretti a vivere a lungo nello stesso spazio ristretto, portando a galla i lati più oscuri dell’animo umano, proprio come se fosse una prigionia. E in fondo è proprio questo che è il ripetere sempre uno stesso percorso, come un satellite che non può fare altro che seguire sempre la stessa orbita a causa della forza d’attrazione del pianeta che ha su di lui: una prigione. E proprio come una prigione, logora la resistenza di un uomo e lo incattivisce, lo abbruttisce, portando a galla i suoi istinti più violenti.
Soprattutto, tematica centrale dell’opera è il distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è: una profonda riflessione sulla realtà e sui mondi virtuali, a cui spesso si ricorre per fuggire da un presente che non piace, un usare la fantasia per creare dimensioni fittizie migliori, ma che alla lunga si scoprono essere nient’altro che specchi di quello da cui si cerca di fuggire, inseguiti anche lì dalle angosce, dalle ombre che tanto si rigettano. Molto prima dei fratelli Wachowski con la trilogia di Matrix (1999-2003), Dick mostra come l’accettazione di una realtà che non piace e la fuga da essa in mondi fittizi non sono altro che fare una vita da reclusi, dove l’unica possibilità di uscirne risiede nel rifiutarli entrambi, trovandola nella libertà assoluta di un gesto, un’idea, un sogno: la volontà di non essere più in prigione, di qualunque tipo si tratti.
Un monito che Dick rivolge a tutti noi.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>