Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Settembre: 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Guardare al passato

No Gravatar

Se si è notato, in questi ultimi anni si ha la tendenza a volgere lo sguardo al passato. Se si fa caso ascoltando la gente, in più di un’occasione si osserva che i discorsi vertono su esperienze passate, non su quello che si sta facendo o sui progetti che si stanno sviluppando per costruire il futuro.
Ghost in the shell, un film d'animazione del passato a cui ci si è ispirati per fare una "nuova" pellicola cinematograficaMa non è solo nei discorsi della gente che il passato prevale sul resto: esso, se ci si è fatto caso, predomina anche in film, serie televisive, libri. Non si tratta solo, come sta succedendo per esempio nella televisione italiana, di riproporre prodotti realizzati tanti anni fa (non solo per farli conoscere alle nuove generazioni, ma anche per “rifar sognare” coloro che li avevano apprezzati quando uscirono), ma di farne dei remake che gli danno una nuova veste mantenendo praticamente lo stesso copione originale (film e serie televisive in questo la fanno da padroni).
Mancanza d’idee o nostalgia del passato?
Entrambe le cose.
Che ci sia poca innovazione e poca ricerca di cose nuove è un fatto; è vero che è stato realizzato tanto ed è difficile creare qualcosa di diverso da quello già visto, ma non ci si sforza nemmeno, non si prova a dare il vita a qualcosa di vivo, che inneschi pensieri che volgano alla ricerca di qualcosa di diverso dal conosciuto, che facciano sorgere pensieri nuovi. Un po’ perché è facile stare nel conosciuto, è confortante ritrovarsi in copioni, atmosfere, già conosciute: alla maggior parte delle persone non piace cambiare e preferisce restare entro schemi già visti e vissuti. Un po’ perché non si vuole rischiare e si punta a ricalcare le orme di prodotti che hanno avuto successo per andare sul sicuro e avere un guadagno quasi sicuro; il denaro domina ormai su tutto (lo è stato fin dalla sua comparsa, ma ora le cose si sono accentuate, se non esasperate) e nel mercato il guadagno è l’unica cosa che conta.
La nostalgia di cose che hanno fatto provare emozioni è un fattore naturale ed è normale che si provi piacere nel rivedere film o rileggere libri legati a un particolare periodo della propria vita; il ricordo è qualcosa d’importante, che va preservato, ma che però, come tutte le cose, deve essere vissuto con equilibrio perché non diventi la totalità.
Ed è qui che bisogna soffermarsi e capire perché si volge tanto lo sguardo al passato: il presente non è bello e il futuro lo appare ancora meno, quindi si preferisce trovare un rifugio che protegga da uno spettacolo che ferisce, alla ricerca di qualcosa di buono, qualcosa di migliore che aiuti a sopportare l’esistenza e ad andare avanti. Ma rifugiarsi nel passato, nei sogni trascorsi, non cambierà il presente. Potrà sembrare che le cose per un po’ vadano meglio, ma si tratta solamente di un’illusione. E prima o poi, la verità solleverà il velo e si mostrerà.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>