Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Settembre: 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Balla coi lupi

No Gravatar

Balla coi lupiBalla coi lupi è il romanzo di Michael Blake dal quale è stato tratto il famoso film interpretato, diretto e prodotto da Kevin Costner. La storia ruota attorno al Tenente John Dunbar dell’Esercito Unionista, ai tempi della Guerra di Secessione, a cui, dopo un atto eroico che cambia le sorti di una battaglia, viene concesso di raggiungere la frontiera dell’Ovest. Accompagnato dal rozzo Timmons raggiunge Fort Sedgewick, ma lo trova abbandonato e male in arnese. Solo, ma felice della libertà e della bellezza del luogo, Dunbar conduce un’esistenza guidata dal lavoro, completamente dimenticato da tutti, con unica compagnia il fedele cavallo Cisco e un vecchio lupo (che lui chiamerà Due Calzini per via della colorazione delle zampe).
La sua vita cambia quando avviene l’incontro con la tribù comanci. Un passo alla volta due mondi diversi cominciano ad avvicinarsi e a conoscersi. Lentamente le barriere tra Dunbar e i comanci iniziano a cadere, soprattutto dopo che il tenente salva la vita a Mano Alzata, una donna bianca divenuta indiana, che aveva tentato di togliersi la vita dopo la morte del marito; è grazie a lei che l’ostacolo delle lingua viene superata e il dialogo tra le due parti si fa sempre più profondo. Dunbar allora conosce un modo di vivere che sente più vicino a lui, più suo, facendo amicizia con i nuovi vicini (soprattutto Vento nei Capelli e Uccello Saltellante) e venendo accettato come uno di loro, al punto che gli viene dato un nome indiano, Balla coi Lupi (nome nato dopo averlo visto giocare con Due Calzini). La caccia al bisonte, l’affrontare i nemici Pawnee, il partecipare alla vita della tribù lo fanno addentrare sempre più in una vita primitiva ma in equilibrio con se stessi e con la natura; il traumatico nuovo incontro con i suoi simili gli fa rinnegare del tutto la vita precedente e abbracciare la nuova, anche se a malincuore deciderà di staccarsi da essa per proteggere la tribù dalle ripercussioni dei bianchi che lo verranno a cercare.
Balla coi lupi è uno dei rari casi in cui libro e film sono praticamente uguali e, cosa più importante, mantengono lo stesso spirito. Qualche piccola differenza c’è (nel libro gli indiani sono comanci, nel film sioux; Dunbar nel romanzo fa un sogno che non è presente nel film), ma questo non influisce sulla storia, permeata di un’epica e una bellezza che rispecchiano la natura selvaggia dell’Ovest non ancora contaminata e sfruttata dall’uomo, anche se si cominciano già a vedere i primi segni lasciati dai bianchi (mandrie di bisonti uccise solo per le pelli, i corpi lasciati a marcire sulla pianura).
Balla coi lupi è il canto del cigno di un’epoca che sta per essere distrutta in nome dell’economia e del progresso, la fine di una terra ma anche di un popolo. Un’opera che merita di essere gustata sia come romanzo, sia come film.

2 comments to Balla coi lupi

  • Non mi ricordo benissimo questo film, ma mi pare che appartenga a quella categoria che santifica il nativo (gli indiani) ignorando i loro difetti.
    Mi sono informato abbastanza in merito e se è vero che non si può generalizzare sui popoli di un intero continente ho scoperto che gli indigeni non erano poi degli stinchi di santo.

    Anche se ovviamente la loro strage resta sulla coscienza del nostro mondo. Ogni volta che si parla di olocausto o genocidio (Armenia, Turchia, i Boeri, ecc…), il nativo americano è l’elefante nella stanza…

    • Non proprio: direi che la storia verte più che altro sul trovare se stessi e il proprio posto nel mondo. Gli indiani non sono proprio santificati: vedere la scena in cui il guidatore di carri che accompagna il protagonista al forte viene ucciso dagli indiani.

      Storicamente parlando, gli indiani, come tutti i popoli, hanno commesso brutalità, solo che i bianchi ne escono peggio perché sono gli invasori che hanno usurpato la terra dei nativi. Vale in questo caso, ma anche per i popoli sudamericani. Se ci si pensa è qualcosa che storicamente si è sempre ripetuto: il più forte schiaccia il più debole. Possono cambiare i modi, ma il risultato è sempre lo stesso.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>