Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Ancora sui vaccini contro il Covid-19

No Gravatar

In queste settimane non si fa che parlare dei problemi legati ai vaccini per il Covid-19: dopo quello di Astrazeneca è sotto osservazione anche il vaccino Johnson&Johnson. La problematica è sempre la stessa: l’insorgere di trombi dopo l’inoculazione passati diversi giorni. Si tratta di pochi casi su milioni di dosi, quindi di percentuali molto basse, ma le vite umane non sono solo numeri e non si può ragionare in questi termini, seppure la logica di politici e scienziati non sia errata (i benefici sono superiori ai rischi). Tuttavia, sebbene non sia errata, tale logica non è naturale, perché per combattere un pericolo non se ne può far insorgere un altro; si sa che i vaccini, di ogni genere, posso avere delle reazioni avverse, ma un conto è un po’ di febbre, nausea, dolori muscolari, un conto emorragie celebrali che portano al decesso.
La situazione pandemica ha imposto un’accelerazione nello sviluppo e nell’uso dei vaccini, avendo un tempo più breve di sperimentazione rispetto alle solite procedure prima che il vaccino venga messo in commercio, e questo purtroppo ha portato alle problematiche che sono sotto gli occhi di tutti.
Ma oltre a queste problematiche, si pone una riflessione che può sembrare filosofica ma che invece può risultare importante per capire gli errori che sono stati e che vengono fatti. Quando si sente parlare i politici, li si sente dire di fare i vaccini per far ripartire il paese, ovvero per far ripartire le attività economiche. Certo questo è importante, perché senza lavoro e senza guadagno tante persone non sanno come tirare avanti, come pagare tasse, bollette e mutui, come poter aver qualcosa da mangiare. Tuttavia, lo sbaglio che fanno politici e governanti è dare più importanza alla macchina economica che alla vita umana: pochi dicono di voler effettuare più vaccini possibili per cercare di proteggere e salvare quante più vite possibili nel più breve tempo possibile, mentre tanti non fanno che parlare di riaperture e riprese, di far avere un’estate dove si potrà andare in ferie, quando ogni giorno, solo in Italia, si ha una media di diverse centinaia di decessi (i numeri stazionano tra i trecenti e i cinquecento).
Purtroppo, ancora una volta la vita umana viene soprassata dal guadagno e dal fare denaro, dimostrando, se servisse un’ulteriore conferma, che si vive nell’era dell’economia, dove la cosa più importante sono i soldi.
Tutto ciò è alienante. Non si è ancora capito che la cosa più importante è l’essere umano, che senza di esso la macchina economica è semplicemente nulla, non può esistere; invece si continua a mettere il sistema che si è creato dinanzi a tutto: il costrutto realizzato, che doveva essere al servizio dell’uomo per aiutarlo e rendergli la vita migliore, è diventato il padrone a cui l’uomo si è asservito, è diventata la prigione in cui ci si è rinchiusi.
Questa pandemia ha messo in risalto tanti punti deboli del sistema vigente ma, nonostante questo, dopo più di un anno, non si è ancora capito (o voluto capire) come questo sistema sia fallato e non possa più continuare ad andare avanti; è vero che da anni che si dice che il consumismo e il basare tutto sull’economia non potevano durare ancora a lungo, ma dinanzi a un fatto che ha rivelato tutta la debolezza del costrutto economico è un grosso errore non cominciare a riflettere di trovare un altro modo di andare avanti.
Va presa coscienza che il sistema economico ha fallito e va sostituito. Ancora non si hanno tutte le risposte con cosa sostituirlo e per questo occorre mettersi dietro a ragionare su come fare per cambiare sistema di vita. Sicuramente occorrerà trovare qualcosa di meno consumistico, con una razionalizzazione migliore delle risorse; un sistema più a misura d’uomo, dove si è meno schiavi delle cose, meno di corsa e meno in competizione gli uni con gli altri. Ci dovrà essere più collaborazione, con le persone che si danno da fare in prima persona per il proprio sostentamento (un prodursi da sé frutta e verdura, quindi più orti e magari balconi più verdi), meno industrializzazione e un ritorno alle campagne (che vorrebbe anche dire una maggiore manutenzione di terreni verdi ora in disuso che porterebbe a evitare quei disastri che sistematicamente si stanno verificando, quali smottamenti e allagamenti), un uso maggiore di fonti rinnovabili, quali a esempio l’uso di energia solare.
Questi sono solo alcuni esempi, ma di certo da questa pandemia occorre uscirne con una presa di coscienza che permetta di cambiare un sistema di vita che ormai ha dato quello che aveva da dare e che non è più il meglio che si ha a disposizione: è tempo di cambiare registro.

2 comments to Ancora sui vaccini contro il Covid-19

  • Se il virus ci insegnerà a cambiare modello di sviluppo non saprei (non sono ottimista).
    Sulla questione della pericolosità, bisognerebbe guardare le cose in maniera obiettiva. I vaccini possono avere dei danni collaterali, pochi o tanti. A furia di dire che va tutto bene e chi protesta è un deficiente, hanno creato un “irrazionalismo” positivo contrapposto a quello negativo dei no-vax, ma alla fine se ci sono stati che non vogliono più Astrazeneca (Danimarca) forse è vero che qualche problemino esiste. Vorrei però che ogni caso venisse valutato razionalmente. Nel caso in cui si possa attribuire al vaccino una possibilità minima di reazioni mortali, la cosa è sgradevole, ma già ipotizzata per i vaccini di altre malattie.
    Il fatto che una piccola possibilità di rimanerci esista per me è accettabile purché tale possibilità sia minima.
    Di fatto la pandemia va fermata… quindi tocca decidere, e dopo la decisione deve valere per tutti.
    Si tratta di una questione che riguarda la comunità, in questo caso l’individualismo non funziona.

    • Quello che fa pensare è l’ostinazione che il nostro paese ha nel voler andare avanti AstraZeneca, quando altri l’hanno messo da parte e quando ci sono vaccini più sicuri e anche più efficaci. Si vuole continuare con questo perché è quello che costa meno?
      Sono tutte supposizioni, ma come spesso succede, c’è qualcosa che non va e la situazione viene gestita in modo non ineccepibile. Sono concorde con le vaccinazioni, però desidererei che ci fosse più chiarezza e che le cose fosse fatte con più criterio.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>