Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Non è più questione di sport

No Gravatar

E questo lo si sapeva da tempo: lo sport è diventato business, palcoscenico per ottenere notorietà.
Lo sport non è più tale, quanto solo una questione di soldi, d’introiti e il calcio è il perfetto emblema di questo modo di fare, vivere, pensare: tutto ruota attorno ai diritti tv, alla pubblicità, ai contratti con gli sponsor, all’uso dei marchi e dell’immagine dei calciatori. Tutto perché si vogliono più soldi, presidenti in primis, che hanno fatto delle squadre delle vere e proprie imprese.
Ormai il calcio è questo: imprenditoria. Non bisogna credere che sia altro, bisogna prendere atto che non è più questione di sport, ma non solo per l’ambito economico: basta osservare i fatti di queste ultime settimane dove le tifoserie organizzate non fanno che alzare proteste, innalzando la bandiera della libertà d’espressione, quando invece tutto quello a cui stanno inneggiando è il caos, a voler fare tutto quello che vogliono senza avere alcuna regola.
Ormai si è andati ben oltre il limite: non si possono esortare le tifoserie a unirsi insieme nell’insulto discriminante. E non vale attaccarsi al cliché del “si è sempre fatto così, pertanto va bene”, perché non va bene affatto: è sempre stato sbagliato. Ora ci si meraviglia se ci sono delle sanzioni, quando invece ci si deve meravigliare del perché non è stato fatto tanto tempo fa: uno sbaglio è stato il permettere che s’insultasse liberamente senza fare mai nulla. E un altro sbaglio è stato il non capire che allo stadio ci si va per sostenere la squadra per cui si tifa, non per insultare quella avversaria e i suoi tifosi: il tifo non è, come spesso hanno fatto e fanno in tanti, un modo per sfogare le proprie frustrazioni e rabbie personali, trovando negli altri un catalizzatore dove scaricarle. Il risultato ora è che gli stadi sono divenuti dei veri e propri campi di battaglia dove ci sono armi, scontri, feriti: non è più un divertimento.
Questa è violenza becera allo stato puro.

1 comment to Non è più questione di sport

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>