Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Giugno: 2020
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Plastik-Ultrabellezza

No Gravatar

In questi giorni sta passando la pubblicità dell’ennesimo programma propinato dalla televisione di basso livello che impera nei media. L’ennesimo programma che fa passare il messaggio che ciò che conta nella vita è l’apparenza, l’esteriorità, che tiene in considerazione l’essere umano come il due di coppe quando è briscola spade. Emblematica l’immagine che passa sullo schermo di una bistecca cruda a cui viene tagliato un filo di grasso. Questo è come viene considerato un essere umano: solo un pezzo di carne, come se fosse qualcosa di inanimato su cui lavorare.
Programmi simili riportano alla memoria il dottor Frankenstein che traffica sulla sua creatura, considerata solamente un esperimento.
Ma tutti sanno qual è stata la reazione di quello che è stato considerato un mostro, ma che non voleva altro che essere riconosciuto come essere vivente e non come cosa, come oggetto.
La letteratura ha molto da insegnare, se si leggesse.
Ma chi legge ormai?
In Italia poche persone, i più si limitano a subire passivamente quanto passa la televisione, il proprio livello di cultura e consapevolezza sempre più basso. Pur di apparire, pur di avere un minimo di notorietà si è disposti a tutto, senza ritegno, senza dignità, pronti a mettere in piazza di tutto. Questa, anche se non lo si vuol sentire, è pornografia.
L’uomo ha dimenticato il volto del proprio Padre e non sa cosa sta per diventare. Ma di certo non è nulla di buono: i fatti lo dimostrano.

EDIT. Per tutti coloro che hanno scritto in privato, contattandomi per richiedere come partecipare al programma in questione o facendo richieste su come si potesse contattare la redazione di Plastik: questo sito non ha nulla a che vedere con la trasmissione Mediaset, non vi è legato in alcuna maniera, quindi evitare certe richieste.

13 comments to Plastik-Ultrabellezza

  • hai perfettamente ragione,questi programmi rimbambiscono ancora di più quello che sono le ragazzine di oggi , uno pensa solo a come apparire e non capisce che la cultura è l’unica cosa che ci è rimasta oggi giorno. Io non dico che sono un genio a scuola , faccio l’indispensabile per non essere bocciata (hahahah) ma almeno una mia cultura , nel 21° secolo , me la voglio fare per non sembrare poi una di quelle cretinette (perchè loro è questo quello che sono) e preferisco anche non essere bella ma abbellire il mio cervello e la mia cultura. Oggi le cose sono diverse , era bello quando non si doveva pensare alla chirurgia estetica per piacere alle persone, chi ti ama ti segue, non è detto che , solo perchè hai una quinta di seno, un culo bellissimo (ma finto), sei bella, sei bella si ma dentro non hai niente ed esempi simili ce ne sono e come ma non faccio nomie. Oggi la donna viene fin troppo “oggettivizzata” , o meglio , viene troppo usata come un oggetto, e poi ci lamentiamo che le ragazzine vengono stuprate. Mi sono sempre chiesta perchè queste cose succedono solo oggi e prima non succedeva quasi mai. Perchè c’è la televisione che è come un manifesto dell’ottocento il quale riporta le proprie idee. Ma vabè , questo è il mondo di oggi, combattere è inutile perchè ormai chi domina è solo la superficialità e l’idiozia.Ma salviamoci almeno noi, acculturati e intelligenti anche se non con un fisico mozzafiato ma normale.

  • Hai toccato tanti argomenti e ognuno merita d’essere affrontato.
    Questi programmi purtroppo non condizionano solo le ragazzine, ma anche persone adulte e mature: una grossa fetta della società è stata volutamente condizionata dai media (così si ha un maggior controllo sulla massa), ma c’è anche da dire che le persone lo hanno permesso, subendo passivamente, lasciandosi trasportare dall’inerzia e dalla pigrizia.

    La cultura è importante, fortunatamente non è l’unica cosa rimasta, ma soprattutto abbiamo la vita,
    non c’è niente di più grande: va difesa e tutelata, soprattutto occorre di riappropriarsi di quella dignità e libertà che la rendono meritevole d’essere vissuta. Perché quella che propina il sistema non è vita. La cultura, ciò che viene insegnato, la spiritualità e tutto ciò che serve a crescere sono mezzi che aiutano a prendere maggiore consapevolezza della vita e a farla vivere meglio: è questo che va compreso.

    La chirurgia estetica non va demonizzata, perché può essere utile, ma va usata nel modo giusto, non certo per adeguarsi ai modelli proposti dai media. Non c’è da dimenticare che viene utilizzata per chi è sfigurato nelle guerre da granate e proiettili, per chi ha subito tremende ustioni. Ha una sua funzione, non va certo utilizzata per vanità e superficialità, ma solo nei casi di vera necessità.

    Molte persone basano il proprio valore e essere sull’apparire fisico, dimentichi che esiste anche l’interiorità e che avere un bel corpo non significa essere una bella persona.

    Purtroppo non solo la donna, ma l’individuo in generale (e quindi uomini, bambini, anziani) sono considerati oggetti da sfruttare, utili solo se rendono profitto.

    Lo stupro è sempre esisto, in tutte le epoche della storia: adesso si ha maggior possibilità di conoscere i fatti, la tecnologia consente un’informazione più veloce e divulgata. Ora la cosa è più accentuata sia perché è dovuto all’ostentazione del corpo femminile portato a provocare (una forma di dimostrazione di potere) sia perché la società in cui si vive passa il messaggio che si può ottenere tutto quello che si vuole senza fatica, senza sacrifici, dove tutto è dovuto: una società superficiale e viziata, che quando si scontra con un no, decide di prendere con la forza perché tutto gli è concesso.

    Combattere non è mai inutile, perché i valori, ciò in cui si crede, vanno difesi, non si deve lasciare andare altrimenti si cade sempre più in basso e i risultati si vedono. Non si deve lasciar correre, forse non si vincerà, ma non ci si farà condizionare e non si diventerà come il sistema. E questo è già un punto di partenza per un nuovo inizio.

  • Mia moglie da piccola ha avuto una caduta e non avendo due genitori come si deve è rimasta deturpata.
    Io l’ho conosciuta così e così mi piace,
    Ma lei negli anni non l’ha mai accettato.
    Come biasimarla!!!

  • Messaggio cancellato dall’admin. Cerchiamo di postare commenti inerenti all’articolo.

  • Ovviamente ci metterei la mano sul fuoco sul nome del conduttore…
    Programmi simili rientrano nella fascia di ascolto della recente puntata di Forum pro-ricostruzione, e la cosa triste è che… funzionano.

  • vi consiglio la lettura del libro di Tommaso Ariemma Contro la falsa bellezza Filosofia della chirurgia estetica- il melangolo

  • Passo per caso da qui (cercavo notizie relative alla trasmissione citata nel post). Condivido sul fatto che sempre meno gente legge e approfondisce.

    “In Italia poche persone, i più si limitano a subire passivamente quanto passa la televisione, il proprio livello di cultura e consapevolezza sempre più basso. Pur di apparire, pur di avere un minimo di notorietà si è disposti a tutto, senza ritegno, senza dignità, pronti a mettere in piazza di tutto. Questa, anche se non lo si vuol sentire, è pornografia”.

    Complimenti.

    In bocca al lupo.

  • non credo che sia tutto giusto quello che dite. Io stò cercando da anni di ritornare quella che ero, ma ancora non sono stata fortunata, come non lo sono stata nel cercare indirizzi dei medici che appaiono in queste trasmissione per avere un consulto,visto che hanno praticamente rifatto una ragazza ustionata dal fuoco.io sono a quel livello e ringrazio queste trasmisioni che mi permettono di conoscere sempre cose nuove,anche se da sperimentare. La colpa di queste ragazze credo,stà solo nei genitori che trascurano i figli,non parlano con loro,non ascoltandoli,non sapendo quello che guardano,chi frequentano e arrivino ad un età dove tutti sono uguali,senza personalità, o di ragionare o essere. Scusate questo mio sfogo; grazie infinite, un saluto a tutti

    • La chirurgia plastica, come già detto, è un mezzo che può essere utile in casi seri, come ustioni o traumi avuti da incidenti; non lo è quando diventa ostentazione (mettere il proprio corpo al centro dell’attenzione propria e altrui) e adattarsi al modello che va per la maggiore.
      Trasmissioni simili sono uno specchieto per le allodole, per condizionare la gente e spingerla a recarsi nelle cliniche per fare interventi di “miglioramento”: una pubblicità per incrementare un settore che è una vera e propria macchina da soldi. Sì, è sempre e solo una questione di soldi.

      Molti voglio partecipare al programma e molti navigano nella rete in cerca di un modo per contattare chi gestisce il programma. Le teorie perché non si riesce ad avere un indirizzo preciso dove fare la rechiesta di partecipazione sono tante, ma è possibile che questo avvenga perché il programma è stato realizzato prendendo in considerazione casi clinici che i medici che si vedono in Plastik avessero già in cura; insomma, realizzare una trasmissione con il materiale che si aveva già in mano, senza andare a cercare, senza fare selezioni, perché altrimenti il lavoro sarebbe stato lungo e gravoso, richiedendo impiego di tempo e risorse. Non per togliere l’illusione a chi spera di parteciparvi, ma è una scatola chiusa, riservata a pochi : occorre già essere nel giro e aver avuto conoscenze giuste.

  • […] faccio un semplice esempio. Pochi giorni fa ho scritto un post sulla trasmissione televisiva Plastik-Ultrabellezza, un articolo nato vedendo la pubblicità, scritto in pochi minuti, un mettere in forma scritta una […]

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>