Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Gennaio: 2021
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

La fine del mondo e il paese delle meraviglie

No Gravatar

La mente è capace di creare un’infinità di mondi, di far vivere all’interno della propria coscienza persone, creature mai viste o incontrate, ma che alle volte non sono altro che proiezioni inconsapevoli e similari degli individui che si sono incontrati nella realtà, riplasmandoli in modo che possa esserci quella comprensione che magari non è stato possibile avere dal vivo.
Questo viene ben mostrato da Haruki Murakami in La fine del mondo e il paese delle meraviglie: una storia avvincente che viene raccontata su due binari paralleli, dove le vicende narrate si svolgono su due dimensioni legate tra loro. In capitoli che si alternano in maniera regolare, Murakami presenta due ambientazioni differenti.
Una Tokyo tecnologica (descritta nei capitoli con il titolo Il paese delle meraviglie), dove due grandi gruppi si contendono dati e informazioni in una silenziosa guerra fatta di spionaggio e assassini, nelle cui fondamenta si estende un mondo sotterraneo buio e umido abitato da pericolose creature mostruose. Una Tokyo dove i rapporti umani sono ridotti al minimo e non si riescono a instaurare legami profondi, rendendo la vita insapore, senza significato, senza qualcosa per cui valga la pena viverla.
Una cittadina senza nome (descritta nei capitoli La fine del mondo), avvolta in un’atmosfera invernale, congeniale a una popolazione privata della propria ombra e delle proprie emozioni, che vive un’esistenza pacifica, senza scossoni: una quiete che non viene increspata da nulla, dove il tempo non ha significato perché tutto sembra un momento eterno, bloccato in una stasi perenne. Un mondo in apparenza perfetto dove non ci sono odi, divisioni, contrasti, ma vuoto perché ogni desiderio, ogni emozione è sparita: senza più un cuore, la gente vive tranquilla, immersa nell’atmosfera crepuscolare della città avvolta da mura impenetrabili, tenendosi lontana dal bosco e dal lago che vi sono vicini perché considerati luoghi pericolosi, capaci di minare la base della loro esistenza.
Attraverso il mirabile uso d’immagini che ben caratterizzano l’espressività della storia (la neve che indica freddezza dei sentimenti, le mura per indicare la chiusura alle insidie del mondo esterne, gli unicorni che incarnano i sogni, il bosco al cui interno ci sono uomini che in parte ritrovano se stessi), Murakami crea un racconto profondo e denso di significato, mostrando come la società sia un luogo disumano, dove l’individuo è abbandonato a se stesso, viene usato da potenti gruppi per perseguire i propri fini e quando non serve più, gettato via o eliminato. Senza contare l’osservazione che viene fatta alla scienza e al progresso, forze che per andare avanti non si curano di niente, sono solo alimentate dalla necessità di superare un confine dopo l’altro. Non c’è certo da stupirsi, di fronte a un modo di vivere così arido, che si possa fare la scelta di allontanarsi da tale sistema, di vivere diversamente, anche a costo di estraniarsi dalla realtà.
Benché sia stato scritto molti anni prima, La fine del mondo e il paese delle meraviglie può essere considerato una sorta di gemello di 1Q84: un gemello più tranquillo, ma allo stesso tempo più amaro, con meno speranza di quanto invece il romanzo successivo presenta. Una bella storia, con un retrogusto dolceamaro che non dà molte possibilità alla società in cui si vive, mostrando tutta la sua brutalità e insensibilità.

4 comments to La fine del mondo e il paese delle meraviglie

  • Non ho ancora avuto il “coraggio” di leggere qualcosa di questo autore, anche se ho pure acquistato un paio di suoi romanzi che sono lì in attesa nella mia libreria. Tu tra quelli che hai letto quale consiglieresti a un neofita?

    • 1Q84 l’ho trovato magnifico e te lo consiglio: comincerei da questo libro.
      Belli, La fine del mondo e il paese delle meraviglie e Dance dance dance, anche questi consigliati. Nella (lunga) coda di lettura che ho ci sono Kafka sulla spiaggia e L’uccello che girava le viti del mondo, le cui tematiche e atmosfere mi hanno incuriosito e attendono di essere scoperte

  • Grazie! Quando mi deciderò, comincerò con quello allora… in effetti non ne ho ancora sentito parlare male. “Kafka sulla spiaggia” è uno di quelli che occhieggiano dal mio scaffale. Arriverà anche il momento di Murakami 🙂

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>