Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Non Siete Intoccabili (romanzo)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2

Wikio vote

http://www.wikio.it

Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Erdogan: golpe mancato o epurazione programmata?

No Gravatar

Golpe mancato o epurazione programmata?
ErdoganQuesta è la domanda che viene da porsi vedendo con quanta velocità e precisione Erdogan si sta muovendo. Quanto sta avvenendo non è qualcosa d’improvvisato, ma sembra qualcosa di programmato tanto sono mirati i colpi che vanno a segno. I primi a essere colpiti sono stati i militari, con migliaia di suoi membri “epurati”; la cosa se si vuole può avere un senso, dato che, secondo quanto dice Erdogan, sono stati gli autori del tentato golpe. Se si vuole, può sembrare un atto di giustizia, andando a punire i colpevoli del gesto. Così facendo però si elimina anche il braccio, la parte forte, la parte armata. La parte a un primo sguardo immediatamente più pericolosa.
Poi sono stati “epurati” migliaia di giudici, la parte con il potere necessario per eventualmente condannare Erdogan qualora commettesse (o avesse commesso) crimini o ingiustizie: in questo modo si elimina la parte che può mantenere l’equilibrio, si elimina la testa.
Dopodiché Erdogan è andato a colpire la scuola, “epurando” migliaia d’insegnanti, impendendo a professori universitari di lasciare il paese. In questo modo si è andato a colpire chi è in grado di dare cultura, di creare libertà di pensiero, morale, di sviluppare la capacità di pensare con la propria testa, e non seguire i dettami altrui perché governati nell’ignoranza. Qualcuno potrebbe obiettare che occorre verificare cosa insegnavano questi professori, ma l’atto di colpire la scuola rimane. Certo verranno sostituiti, ma chi li sostituirà trasmetterà un insegnamento obiettivo o farà passare quello che vuole il governo, tirando acqua al suo mulino?
Naturalmente sono stati epurati molti giornalisti, le persone in grado di fare informazione, e mostrare quello che accade.
In questo modo Erdogan ha eliminato ciò che lo può ostacolare e minare il proprio potere. Ma sta facendo anche di più: per distogliere l’attenzione dal suo operato, atto a rafforzare la sua posizione, sta lavorando alla creazione di un nemico che attenti alla stabilità del suo paese. Prima era Gulen, poi gli Stati Uniti, ora sta asserendo che sono coinvolti anche altri paesi.
Questo è solo l’inizio di un’escalation di restrizioni che sta facendo mettere in atto: ce ne saranno molte altre fatte in nome della sicurezza, della tranquillità per il paese (questa cosa non ricorda un passaggio di V per Vendetta? O forse semplicemente è un ripetersi della storia?)
Può essere che Erdogan abbia ragione e che i nemici siano tanti. O può essere che il vero nemico sia lui e si stia assistendo alla nascita di un dittatore. Ci sono troppe cose poco chiare e troppe cose non dette per poter avere un quadro ben definito di una situazione che non fa che divenire sempre più torbida. Ma i sospetti che si sia di fronte a qualcosa che non ha nulla a che vedere con libertà, democrazia e giustizia è forte. Soprattutto quando si ha a che fare con un individuo che nega il genocidio armeno e di come abbia appoggiato l’operato della polizia durante le manifestazioni di Piazza Taksim a Istanbul, dove diverse persone sono state uccise.

2 commenti per Erdogan: golpe mancato o epurazione programmata?

  • Io personalmente non credo al golpe “inventato” ma, poiché Erdogan aveva ben presenti le persone che gli ostacolano la strada o non gli piacciono, non c’è nulla da stupirsi se immediatamente abbia trovato così tanti “colpevoli” da punire.
    Come è stato detto sui giornali, la Turchia ormai sta diventando un paese arabo, governata dal solito ras assoluto, senza alcuna flessibilità politica e religiosa.
    È stata colpa dell’occidente che non ha saputo integrarla nel (lungo) periodo in cui la Turchia cercava di entrare nell’UE?
    Per me no, nel senso che non c’è mai stata nessuna vera somiglianza con un paese europeo, hanno fatto benissimo a tenerla fuori e spero continuino a farlo.
    I Turchi non avrebbero peraltro dovuto cercare di essere il più scalcagnato paese europeo, piuttosto hanno perso la possibilità di essere un esempio per gli “altri.”

    • E’ possibile che il golpe non fosse organizzato a dovere e per questo è fallito. Come è possibile che Erdogan sapesse del golpe e abbia lasciato fare così da poter poi giustificare le sue azioni (che non aspettavano altro che un pretesto simile).
      Quale che sia la verità (che difficilmente verrà a galla), Erdogan sta facendo atti da dittatore. Sarà una coincidenza, ma noto somiglianze (anche nel volto) tra lui e un certo dittatore tedesco che più di settant’anni fa ha fatto disastri in Europa.
      Di certo, come dici tu, la Turchia non ha assomiglianza con i paesi europei, né l’ha mai avuta. E quanto sta avvenendo è da guardare con preoccupazione.
      Come c’è da preoccuparsi di tutti gli immigrati che fuggono da paesi in guerra: è vero che c’è tanta brava gente, ma è anche vero che tra loro c’è anche chi non ha buone intenzioni e può fungere da cavallo di troia per far danno. Non è un bel periodo.

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>