Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Ottobre: 2020
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Dragonlance: Dragons of Autumn Twilight

No Gravatar

Dragonlance: Dragons of Autumn TwilightDragonlance: Dragons of Autumn Twilight è il film d’animazione americano del 2008 dell’omonimo romanzo realizzato nel 1984 da Margaret Weis e Tracy Hickman; per chi ha amato l’opera letteraria, la visione ne è sconsigliata. Nonostante sia stata una produzione Paramount Pictures e a dare voce ai personaggi siano attori come Kiefer Sutherland, Lucy Lawless e Michael Rosenbaum, la pellicola è di scarsa qualità. Benché la sceneggiatura segua a grandi linee la storia originale, non riesce a coinvolgere lo spettatore, risulta fredda e piatta; qualcuno potrebbe obiettare che questo è dovuto a una storia che non eccelle già in partenza, ma anche riuscendo a distaccarsi dall’affetto che un fan può avere ed essere obiettivi, vedendo i suoi difetti, il romanzo di Weis e Hickman ha degli aspetti positivi. L’atmosfera dell’Ultima Casa a Solace e del il ritrovo del gruppo di amici che si ritrova dopo diversi anni, la nobiltà e stoicità di Sturm (resa ancora meglio nel volume successivo, I draghi della notte d’inverno), il cinismo di Raistlin, il tenero rapporto che quest’ultimo ha con la nana di fosso Bupu, lo straziante ultimo atto di Matafleur: tutti questi elementi la regia non riesce a ricreare nella pellicola, rendendo Dragonlance: Dragons of Autumn Twilight un prodotto mediocre, dovuto soprattutto alla mancanza di caratterizzazione dei protagonisti, che sembrano essere delle semplici marionette di una scarsa seduta di D&D che avanzano meccanicamente lungo la trama creata dal DM (Dungeon Master). Ritmo troppo veloce, balzi da una parte all’altra della trama da principianti, e soprattutto novanta minuti sono troppo pochi per dare giustizia alla storia del romanzo, condensando troppe cose in poco spazio (e tagliandone anche diverse).
Se possibile, il comparto grafico è riuscito a fare peggio: con i mezzi a disposizione, si potevano fare delle scelte tecniche differenti, che avrebbe dato un aspetto migliore al film. Non si capisce come si sia potuta scegliere un’animazione obsoleta e scadente come questa, che ricorda la peggiore degli anni 80 e 90, un miscuglio di 2D e CGI che stride parecchio.
In definitiva, Dragonlance: Dragons of Autumn Twilight è un film da evitare, un’occasione persa. Un peccato, perché di materiale per fare bene ce n’era e si aveva un bacino d’utenza abbastanza grande per gettare le basi per altre produzioni.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>