Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Dove sta andando l'editoria?

No Gravatar

In questo periodo sono accaduti fatti in ambito editoriale che hanno fatto levare proteste su decisioni che lasciano perplessi; decisioni che fanno compiere riflessioni verso dove si sta andando e che piega possa prendere il quadro delle case editrici.
Non è facile trovare una risposta, ma non è nemmeno possibile che tutto si debba ricondurre solo a una questione di soldi, dato che il libro è più di un elettrodomestico, di un oggetto inanimato. D’accordo che una casa editrice deve fare utile per sopravvivere e deve valutare il venduto (non solo osservare i resi: perché se un libro vende centomila copie, ma si è fatta una tiratura di un milione, la colpa non è dello scrittore che non è valido, quanto dell’editore che ha fatto valutazioni errate). Purtroppo, come succede in tutta l’imprenditoria, si ritiene che la panacea ai problemi sia il taglio dei costi, senza riuscire a comprendere che per uscire da certi periodi la soluzione è aumentare invece la professionalità e la qualità del prodotto, perché è questo che fa sopravvivere e dà futuro.
Soprattutto va ricordato che lettori e scrittori sono persone, non oggetti da sfruttare, macchine da cui spremere soldi, e vanno rispettate. Come vanno rispettati i valori e le idee che esprimono, perché la libertà d’opinione, sempre nei giusti modi, è un bene prezioso, non qualcosa da condannare e perseguitare, mettendo da parte, cercando di eliminare chi non segue le direttive del potere e dell’adattarsi al sistema (come questo buio periodo storico del nostro paese ha dimostrato in questi anni).
Occorre riflettere su quanto sta accadendo e prenderne coscienza, sapendo che tutti si è responsabili. Occorre che ognuno faccia la sua parte, dia un contributo insieme alle altre persone a cambiare il sistema.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>