Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Febbraio: 2019
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

La questione del latte

No Gravatar

La protesa dei pastori sardi (foto Ansa) Da giorni l’attenzione è posta sulle proteste dei pastori sardi riguardo il prezzo del latte ovino e caprino, ritenuto troppo basso. Dopo aver cercato di bloccare la squadra di calcio del Cagliari e impedirle di andare in trasferta a Milano, i manifestanti hanno intimato le istituzioni che se le cose non cambieranno, bloccheranno i seggi in Sardegna per le elezioni regionali del 24 febbraio.
Tanti sono solidali con loro, dall’intera isola della Sardegna alla Coldiretti, con quest’ultima che afferma che “le remunerazioni offerte sono indegne, offensive e vietate dalla norma sulla concorrenza”.
Protestare perché il proprio lavoro sia pagato equamente è giusto, come non è giusto che chi ha il coltello dalla parte del manico ne approfitti e cerchi di trarre sempre maggior profitto a discapito di altri; è illogico vendere nei centri commerciali il pecorino romano a 18/20 E quando il suo costo di base di aggira sui 6 E. C’è qualcosa di molto sbagliato nel sistema e va sistemato. D’accordo voler guadagnare, ma a tutto c’è un limite: tutto questo è offensivo e tremendamente sbagliato.
Ma altrettanto offensivo è distruggere il proprio prodotto come hanno fatto i pastori sardi per protesta. Lottare per i propri diritti, per il proprio lavoro è giusto, ma protestare in questa maniera è offensivo per tutti quelli in Italia e nel mondo che non hanno da mangiare. In certi casi servono dei segnali forti, ma distruggere il cibo equivale a distruggere la vita. Agire in questo modo è un insulto alla vita, un modo per disprezzarla.
Ma perché si è arrivati a questo?
Per disperazione. Perché c’è gente che si vuole arricchire alle spalle di altri. E questo è altrettanto offensivo. Anzi, lo è di più, perché si spinge a gesti estremi.
Si vuole dare un segnale forte? Si faccia come chi ha protestato tempo fa per il latte bovino che, visti i guadagni ridicoli che ottenevano, lo distribuiva gratuitamente. Magari proprio alle persone bisognose, che non hanno nulla.
O ancora: si smetta di sottostare a chi gestisce tutto questo. Si smetta di fornire materia prima agli imprenditori: senza materia prima, non possono realizzare il loro prodotto e pertanto non possono guadagnare.
Per far capire delle cose a certi individui, l’unica via percorribile è colpirli nel loro portafogli.
Così, forse, ricorderanno che il cibo, come l’acqua, è vita e non bisogna sfruttarla.