Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Febbraio: 2015
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

La qualità dei prodotti e il mondo dell'economia

No Gravatar

Sulla strada «Come, Sal, ti rendi conto che gli scaffali che fabbricano oggigiorno si spaccano sotto il peso dei soprammobili dopo sei mesi o comunque se ne vanno in pezzi? La stessa cosa con le case, la stessa cosa con i vestiti. Questi bastardi hanno inventato materiali plastici con i quali potrebbero costruire case di durata eterna. E i copertoni. Gli americani si uccidono a milioni ogni anno a causa delle gomme difettose che sulla strada si surriscaldano e scoppiano. Potrebbero produrre gomme che non scoppiano mai. Lo stesso col dentifricio. C’è una certa resina che hanno inventato e non vogliono farla vedere a nessuno, che se la mastichi da bambino non ti viene più carie per tutto il resto dei tuoi giorni in terra. Idem con i vestiti. Sono in grado di fabbricare stoffe che durano in eterno. Preferiscono fare merci a poco prezzo così tutti continueranno a lavorare e a metterci la firma sotto l’orologio marcatempo e a organizzarsi in sindacati malinconici e ad affaticarsi qua e là mentre la gran camorra che continua a Washington e a Mosca.» (1)

Sono le parole pronunciate da Dean Moriarty, uno dei personaggi di Sulla strada scritto da Jack Kerouac. Un personaggio sopra le righe, spesso un po’ fuori, ma nel discorso che fa al suo amico Sal, il protagonista, c’è della verità e riguarda le scelte dell’economia per permettere che il consumismo e i mercati continuino a essere. Studi hanno evidenziato che già dopo la Grande Depressione era stato deciso che i prodotti dovessero essere realizzati con materiale più scadente per far sì che questi avessero un tempo di vita limitato e così le persone ne acquistassero dei nuovi, permettendo in tal modo al mercato di avere un continuo scorrere di vendite. Un ricircolo che sarebbe avvenuto con l’arrivo delle innovazioni, ma che magari sarebbe stato più lento da quello desiderato da chi tirava le fila dell’economia e voleva ottenere guadagno; in questo modo invece, con prodotti da sostituire, si è spinta la gente a comprare quelli nuovi, cosa che magari invece non avrebbe fatto se i vecchi fossero stati ancora funzionanti, dato che non si vedeva la necessità del cambiamento.
Ora le cose sono un po’ cambiate, molte persone, specie con le tecnologie quali smartphone, iphone, vogliono avere sempre l’ultimo prodotto, anche se quello che possiedono è ancora in buono stato. Ma rimane il fatto che non vengono scelti i materiali migliori per la realizzazione di quello che si usa, bensì materiali di livello inferiore, sia per spendere meno (e così poi avere più guadagno, dato che il prezzo d’acquisto non cambia) sia per permettere che non ci sia ristagnazione del mercato, così che le vendite continuino a creare un utile.

1. Sulla Strada. Jack Kerouac. La Biblioteca di Repubblica, 2002. pag. 171