Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Aprile: 2021
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

La Riforma del Lavoro

No Gravatar

Sono trascorsi dieci anni dall’omicidio di Marco Biagi.
In questi giorni governo e parti sociali discutono della riforma del lavoro.
Coincidenza?
Non è un fatto casuale. Forse non è voluto, ma non è un caso che eventi o tematiche si ripresentino nello stesso periodo: pare che in certi giorni ci siano energie all’opera perché si verifichino, o non si verifichino certi fatti (e le energie di questo periodo spingono a ribellarsi a ciò che ingiusto, al conformismo, alle menzogne, all’ipocrisia, al farsi prendere in giro, al farsi sfruttare sottostando ai poteri costituiti, non a continuare a perpetrare modelli e sistemi sbagliati, fallimentari che calpestano l’uomo).
Qualcuno può definirle fantasie, teorie astratte e astruse, ma il fatto che non si riescono a vedere certe energie non significa che non esistono: se ci si pensa, è così per la legge di gravità, di cui si è a conoscenza grazie agli effetti che essa ha nella realtà, ma che di certo non si vede, né si sente né si tocca.
Chi crede invece nei complotti può pensarla diversamente, ovvero che quanto accaduto a Marco Biagi è stato premeditato, un far accadere un evento per avere una ragione forte per perseguire una certa strada e percorrerla fino in fondo. Non sarebbe un caso il fatto che non gli fosse assegnata una scorta, un esporlo al pericolo e lasciare che venisse ucciso, usando poi la sua morte come pretesto per dare vita a un progetto di riforma radicale del mondo del lavoro; un trasformare una persona come le altre in un eroe e un martire, perché le bandiere e i simboli hanno un grande potere che può essere sfruttato.
Che sia stato così oppure un sottovalutare una situazione pericolosa, sta di fatto che più di quando era in vita le sue idee sono state spinte con forza dai governi di centro-destra e dagli imprenditori. E’ interessante osservare il potere che può avere la morte di una persona, come può trasformarla, farla assurgere a qualcosa di più grande di quello che era: quando un individuo muore, l’idea che si aveva di lui viene modificata, i lati negativi vengono messi da parte e ampliati quelli positivi, quando non gliene vengono attributi pure dei nuovi che in realtà non possedeva. Questo è l’effetto che ha la morte e l’idealizzazione, che così velocemente sono sfruttate dagli opportunisti e da chi vuole avere potere.
La morte di Marco Biagi è stato un atto violento e chi credeva che colpendolo avrebbe dato un messaggio a chi cercava di smantellare le tutele del mondo del lavoro, facendo recedere da quegli intenti, ha commesso un errore perché ha ottenuto il risultato opposto, ha rafforzato le intenzioni, dando un pretesto a chi voleva fare la riforma.
Che questa fosse sbagliata è un dato di fatto, i risultati sono sotto gli occhi di tutti: la perdita di produttività e di competitività, l’instabilità, il calo delle vendite e del potere d’acquisto delle persone, l’impossibilità per le persone di fare progetti anche di breve scadenza che di conseguenza si ripercuotono sul sistema bloccandolo. La tanto decantata flessibilità e il tanto incensato lavoro interinale hanno portato a far sì che la gente non possa permettersi l’acquisto (e alle volte nemmeno l’affitto) di una casa (e nemmeno di altre cose), di non potersi creare una famiglia e fare figli perché non ha il modo di mantenerli e di sostenere le spese che tutto ciò comporta.
Nonostante i riscontri evidenti, adesso, al tavolo delle trattative tra governo e parti sociali, si punta con forza su molte delle idee di Marco Biagi. E si vuole andare a tutti i costi in una direzione già conosciuta, non rendendosi conto che così s’impantana ancora di più la situazione, gettando sempre più in basso la popolazione, riducendola sempre più allo stremo (togliendo l’articolo 18 lo scenario che si propone è questo: le persone sono solo oggetti da usare e da buttare via quando non servono più.). E quando si tira troppo la corda, quando non si lasciano vie d’uscita alla popolazione, il risultato è che scoppia la violenza, alle volte la guerra civile. Ci si deve accorgere di questa distruttività, di questa violenza che bolle, pronta a esplodere come è accaduto nel periodo tra il ’40 e il ’45, quando il carico d’odio d’allora fece milioni di vittime.
Prima che questo avvenga, e sia troppo tardi per intervenire e rimediare, occorre fermare e cambiare questo sistema, perché se non lo si fa adesso, dopo non si potrà più aiutare nessuno, dato che questo sperare di tirare avanti finché si può arriverà a farla pagare caramente.

4 comments to La Riforma del Lavoro

  • Sei sicuro che sia così sbagliata la riforma? Io non lo so… cioè vado cauta con le opinioni perché non sono un’esperta, però non so, la Fornero la spiega in un modo che mi “convince” (tra virgolette perché non è che mi piaccia, però considerato l’andazzo generale non solo italiano mi sembra che migliori le cose anziché peggiorarle). Tre sono le cose che mi “convincono” di più: 1) gli stage post università saranno FINALMENTE pagati (e vuoi non esultare?)! Niente più lavorare gratis. 2) La flessibilità avrà un costo per le imprese. E’ finita la festa del “ti uso tre mesi e ti do un calcio nel sedere” (magari il calcio te lo danno ma si fanno prima due conti) 3) Non dice che si può licenziare in allegria ma non ci devono essere posti di lavoro così blindati che anche se non fai il tuo lavoro non puoi essere mandato a casa. Non ti sembra giusto? A me sì, perché vedo gente che avendo ormai il posto sicuro se ne approfitta. Però può darsi che, essendo io un’ingenua, mi stia bevendo delle cose dette per indorare la pillola, perché non ho abbastanza conoscenze economiche per capire tutti i pro e i contro…

    • Il discorso verteva più su come si è arrivati a certi punti, sulle cause che hanno generato una situazione precaria (infatti basata sul precariato) e su come certi fatti sono stati strumentalizzati. Marco Biagi non è stato un eroe, aveva delle idee (giuste per alcuni, sbagliate per altri) che ha portato avanti: è stato vittima dell’essersi esposto troppo e del non essere stato tutelato sapendo le minacce in cui era incorso. E come accade per la morte violenta di una figura in vista, non mi piace l’uso che ne è stato fatto, una strumentalizzazione atta a perorare una causa che favorisce chi ha più soldi e denaro a discapito dei più deboli.
      Sulla riforma, per il primo punto che dici mi trovi d’accordo (basta che la paga sia adeguata), per il secondo dipende quanto la ditta deve pagare di penale (se è irrisoria, è come se la regola non ci fosse). Il terzo punto è il più controverso: gli industriali premono da anni perché l’art.18 sia tolto, perché vogliono avere un potere totale sul lavoratore, fare di lui tutto quello che vogliono: basta opporsi a una decisione ingiusta e sbagliata (o appartenere un sindacato come la CGIL, vedi caso Fiat), avere un’idea che non piace, che si può essere messi fuori. Ci sono poi i “furbi” ma quelli l’art.18 non li tutela: basta fare dei controlli, specie in ambito pubblico, che si risolve la questione. Ma il problema di chi non fa il suo dovere non è dovuto all’art.18, ma alla mancanza di controlli che appurino che certi comportamenti non si verificano.
      E se siamo in questa situazione non è certo a causa del’art.18, ma per via dell’immobilismo, di badare solo al guadagno e non alla qualità, del non fare investimenti e di una gestione pompata e falsata dell’economia.

  • Sì, su Biagi sono d’accordo con te. Riguardo all’articolo 18, ok può darsi che sia così, allora mi auguro che i controlli li facciano, e bene (salvaguardando chi invece fa il suo lavoro). Vedremo… certo, continuo a chiedermi se e come avremmo potuto evolverci in un altro modo (sicuramento sì) anziché arrivare ad avere vite dominate dalla finanza e dall’economia.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>