Il falco

L’inizio della Caduta

 

Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste – Racconti

Strade Nascoste - Racconti

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2
Luglio 2022
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio

Strade Nascoste (romanzo)

Strade Nascoste ACQUISTA! E 1.99

L’Ultimo Potere (romanzo)

L'Ultimo Potere ACQUISTA! E 1.99

Regressione

No Gravatar

Siamo in regressione: questa è la triste realtà che stiamo vedendo. E non si tratta solo di una cosa che riguarda un paese, ma il mondo intero. I segnali c’erano da tempo, ma non li si è voluti ascoltare e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. I Talebani che sono tornati al potere in Afghanistan hanno riportato il paese indietro di anni, imponendo una forte repressione dei diritti delle donne. La Russia sta portando avanti le sue mire espansionistiche per ripristinare la vecchia Unione Sovietica, applicando la legge del più forte. Gli Stati Uniti hanno annullato il diritto all’aborto, tornando indietro di cinquant’anni. In Italia, anni di lotte per i diritti del lavoro sono stati cancellati da una politica sottomessa alle imprese e da gente che non ha lottato per difendere quanto conquistato, con il risultato che ora ci si lamenta se per lavorare si devono fare turni stancanti con paghe bassissime. E questi sono solo alcuni esempi di quello che sta accadendo: invece di percorrere la via dell’evoluzione, la razza umana ha decisione d’imboccare quella della regressione.
Donne che contano meno degli uomini, uomini che si sentono superiori ad altri uomini e impongono con la forza la loro volontà, imprenditori che trattano i lavoratori come i nobili trattavano la plebe o la schiavitù: in poco tempo si sta tornando indietro di decine di anni, se non di più. Regimi e dittature stanno prendendo sempre più piede, e così gli estremismi, per non parlare di chi nasconde il proprio menefreghismo ed egoismo dietro la parola pace (solo per dirne una, in Italia una certa fetta della popolazione chiede agli ucraini di arrendersi per far finire il conflitto per poter tornare alla vita di prima e non dover avere a che fare con i rincari dovuti alla guerra scatenata dalla Russia).
Stiamo tornando ai tempi in cui chi era più forte e violento dettava legge: si possono usare tutte le parole e le frasi che si vogliono, ma questa è la realtà. E se a questo ci si aggiunge che, dopo due anni di Covid, con la pandemia ancora in corso, ci si comporta come se non fosse mai esistito, allora si può comprendere il livello di responsabilità della maggior parte delle persone. Questo significa che dagli errori e dalle lezioni che la vita impartisce non s’impara nulla e quindi l’evoluzione è solo un’utopia, e si sarà obbligati a fare i conti con i frutti che la regressione porterà. Perché di questo passo, le cose non sono destinate certo ad andare per il meglio.