Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Non Siete Intoccabili (romanzo)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2

Wikio vote

http://www.wikio.it

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio

A volte ritornano

No Gravatar

Dopo quanto successo nel 2011 con l’uscita dell’ultima parte di Wunderkind, di G.L.D’Andrea si erano perse le tracce a livello editoriale; le dichiarazioni di Dazieri facevano pensare che probabilmente non ci sarebbe stato un proseguimento del rapporto tra l’autore e Mondadori. Non è dato sapere quale sarà il suo futuro per prossimi lavori editoriali da lui creati, tuttavia G.L.D’Andrea non è rimasto con le mani in mano, dato che è l’autore di Mountain Heroes, un programma che a partire da giovedì 11 aprile andrà in onda su DMax alle 22.05, come viene riportato dal trailer: una serie di sei documentari dove viene mostrata la preparazione dei membri del soccorso alpino e come intervengono nelle situazioni d’emergenza. Oltre allo splendido scenario delle Alpi, sarà interessante scoprire come lavorano dei professionisti in situazioni dove sono in gioco vite umane.

Wunderkind - Il Regno che Verrà

No Gravatar

Il Potere.
E’ quanto da sempre l’uomo ricerca.
Potere per creare.
Potere per distruggere.
Potere per uccidere.
Potere per salvare.
E’ questo l’elemento su cui fa perno Wunderkind – Il Regno che Verrà di G.L. D’Andrea, quella forza che attraverso la Permuta conferisce la possibilità di fare grandi cose, fino ad arrivare a essere una divinità, a compiere veri e propri miracoli. Ma per avere, occorre anche dare, occorre pagare un prezzo, occorre uno scambio.
Nei tempi antichi per avere potere occorreva sacrificare sangue, sempre altrui: da Caino ad Alessandro Magno a Napoleone, uomini divenuti grandi per la storia per aver sacrificato altre persone, per aver sacrificato la vita.
Ma questo era un prezzo troppo alto e qualcuno decise di cambiare il modo in cui veniva concesso il Potere: se lo si voleva, si doveva sacrificare qualcosa di sé, pagare un tributo personale. E così non fu più vita (che senso ha avere il potere se si giunge a non avere più esistenza?), ma ricordi, la memoria (anche questo però è un grave crimine perché i ricordi sono vivi, esistono a un altro livello di coscienza, sono su un altro piano, un altro mondo, anche se non si riescono a toccare).
Ma se non si ricorda il passato, è come essere un albero a cui sono state tagliate le radici; ci si dimentica un pezzo alla volta delle origini, delle esperienze che hanno portato a essere quello che si è, fino a non sapere più chi si è. E arrivati a questo punto, un’esistenza senza più conoscenza e consapevolezza di sé non ha alcun senso, si è solo una forza insensibile che agisce senza essere cosciente delle conseguenze che le proprie azioni possono portare. Essere privati delle radici, dei legami, dei sentimenti fa perdere una parte importantissima del proprio essere che rende tutto quanto meritevole d’essere vissuto: è la ragione che spinge gli esseri viventi a superare i propri limiti, a compiere vere e proprie imprese. L’affetto, la compassione, il sentire gli altri simili a sé, sembrano piccole cose di fronte a poteri capaci di distruggere e creare mondi, ma sono quelle che li fanno andare avanti, che fanno avere futuro, anche quando non sembra che possa esserci.
Ma per avere futuro, l’elemento imprevedibile e in conoscibile, ciò che sempre è in movimento, che è continuo mutamento, per poter plasmare la realtà, il mondo, che cosa si è disposti a sacrificare? Dove si è disposti a spingersi?
Il Potere è una grande forza, ma anche una grande tentazione e una fonte di grande sofferenza e il suo uso andrebbe limitato a casi eccezionali, perché gli errori e gli orrori commessi non si ripetano, come la storia continua a insegnare, stando attendi a quegli animi che privati di tutto possono giungere a prendere decisioni catastrofiche che portano perdita per tanti.
Proprio la perdita è uno dei protagonisti di questo libro, che accompagna costantemente i personaggi del romanzo lungo tutto il percorso mostrato da quanto scritto. Una lettura che scorre veloce e scorrevole, con uno stile senza fronzoli, che va dritto al punto, come un cecchino: un colpo, un centro. Un viaggio attraverso un mondo crudo che non risparmia nessuno, nemmeno i bambini, che è violento, spietato, ma anche epico, dove riecheggiano le atmosfere nordiche con i suoi miti e le sue leggende: i riferimenti all’Albero della Vita, a Odino, alla conoscenza (e di conseguenza al potere) che giunge dalla condizione d’Impiccato, alla lotta con il drago di Sigfrido (molto bella la frase di Rochelle “Il sangue del drago è magico, non lo sapevi?” che rammenta questa storia) sorgono tra le pagine in maniera fluida, portando a conoscere una legge dell’esistenza conosciuta e tramandata dalla saggezza antica: se si vuole che qualcosa di nuovo sorga, il vecchio deve morire.

Per chi non conoscesse ancora le opere di G.L. D’Andrea e fosse incuriosito dal mondo che ha creato, suggerisco le recensioni scritte da Giulia sui due capitoli precedenti di cui Wunderkind – Il Regno che Verrà è l’atto conclusivo:Wunderkind – Una lucida moneta d’argento, wunderkind-2-la-rosa e i tre-chiodi.

G.L. D'Andrea e Kai Zen J-San Lazzaro Estate 2011: Evento e Incontri

No Gravatar

Ieri nella Sala Eventi della Mediateca di S.Lazzaro di Savena, si è tenuto l’incontro con G.L.D’Andrea e Kai Zen J nell’ambito dell’iniziativa culturale Altrimondi, l’ultimo incontro di un ciclo di letture dedicato al fantastico; un modo per rendere consapevoli che questo genere è un altro punto di vista per leggere la realtà. Un incontro interessante perché le letture tratte dalle sue opere (Wunderkind-La Rosa e i tre chiodi, e un’anteprima di un brano del suo terzo romanzo in arrivo) sono state spunti per riflessioni.
La media dei lettori italiani considera un libro un intrattenimento, un’evasione di qualche momento, ma non si rende conto che può essere un mezzo molto potente per far prendere consapevolezza alle persone della realtà; come ha detto G.L.D’Andrea, un mezzo per colpire la realtà. Può essere una difesa, un’arma contro chi vuol far passare menzogne o mezze verità, può smascherare certi meccanismi a cui la gente si è assuefatta o non se ne rende conto. Un libro può essere, citando una frase di V per Vendetta, un usare una bugia per dire la verità, una finzione per far cadere le illusioni che il sistema ha creato per condizionare la gente e farle fare quanto è più utile ai propri interessi; un sistema mosso da persone che hanno voluto distorcere la realtà, che hanno manipolato la percezione delle cose.
Ma come ogni cosa, un’arma può avere un doppio utilizzo: essere usata per qualcosa di positivo come già detto (difesa, preservazione) o qualcosa di negativo (distruzione). E un uso distorto della narrativa fantastica può fare molto male, specie se si fa muovere la narrativa fantastica in base agli stereotipi: tutti sanno quanto può essere fastidioso e limitante avere addosso delle etichette, come lo stereotipo di donna nato negli anni 80 che ha portato poi ad avere l’ormai famoso bunga bunga.
Non è un caso che in questo periodo dove la realtà è diventata iper-realtà( specie dopo eventi come l’11 settembre, come fa notare Kai Zen J), in un modo che non può essere raccontato attraverso il noir, il trhiller o altri generi, molti giovani scrittori abbiano riscoperto il fantastico. Un modo per dare un’etica a questa realtà distorta e dannosa che vuol essere fatta passare per giusta: una responsabilità che questi scrittori sentono quando molti non vogliono farsene carico perché il grosso problema della mentalità vigente nel mondo è il fatto che non c’è una gerarchia di valori che permette di distinguere cosa è giusto da cosa è sbagliato, dove tutto è estremamente relativo, finendo con il vivere in una sorta d’inferno per cui siamo tutti anonimi, dove non si ha un nome, non si ha nemmeno la forza di chiedere di avere una chiave di lettura per capire lo spartito di cosa è bene e cosa è male. E così facendo non si riesce a comprendere come la vera violenza sia la sopraffazione dell’uomo sull’uomo, come descritto in Cecità di Saramago e e ricordato dall’autore della trilogia Wunderkind.
Un’osservazione profonda, come può esserlo quella che fa notare come adesso, nello stesso modo in cui è avvenuto all’inizio del secolo scorso, nel fantastico le figure ricorrenti sono il vampiro (figura che seduce giovani fanciulle, che le concupisce e che gli dà sangue, la forza per mantenerle senza fare niente; non è un caso che l’attuale idea di molte ragazze sia raggiungere il matrimonio per farsi mantenere e non la propria realizzazione personale) e il fantasma (inteso come corpi che mancano, come quelli dell’11 settembre). Corpi che possono ritornare, come Kai Zen J fa notare ricordando i famosi film sugli zombi di qualche decennio fa di Romero, uno specchio di come è la società attuale; figure che attualmente però non sono utilizzate perché lo zombi è un mostro proletario, mostra la massa e la gente non vuol vedere come è, non vuol prendere coscienza dello stato in cui versa.
Perché questo non si sta ripetendo?
Perché gli artisti non riescono a provare quella rabbia contro il sistema ingiusto che li ha colpiti con forza e che ha colpito tante persone come loro; Romero, King quando scrisse IT, erano furiosi contro il sistema e attraverso le loro opere lo denunciarono, mostrando la sua violenza e il suo orrore.
Per riuscire a far questo occorre vivere le esperienze di persona: solo dopo, la parte che è scrittore, regista, potrà comunicare con gli altri per riuscire a far cogliere la percezione della realtà e far rendere conto dell’ignoranza.
E’ questa la potenza delle storie. E’ questo che succede quando s’incontrano storie meravigliose: la capacità di cambiare la visione del mondo.
Storie che nessuno potrà toglierci.

Un evento piacevole e interessante, come lo è stato il dopo, quando la serata è proseguita in pizzeria, dove ho avuto modo di conoscere di persona Val e famiglia, Giulia e JessicaGiulia e Jessica, perché è bello poter scambiare pareri e opinioni in rete, ma nulla può raggiungere il dialogo che si ha guardando negli occhi una persona: incontri dove si è potuto conoscere meglio delle persone con cui si condividono interessi e passioni, momenti belli e arricchenti, in cui ci si sente a proprio agio e si sta bene.
Una serata davvero positiva, che ho apprezzato (soprattutto grazie alle persone che vi hanno partecipato) e per la quale rendo grazie.