Jonathan Livingston e il Vangelo

Jonathan Livingston e il Vangelo

L’Ultimo Demone

L'Ultimo Demone

L’Ultimo Potere

L'Ultimo Potere

Strade Nascoste

Strade Nascoste

Inferno e Paradiso (racconto)

Non Siete Intoccabili (romanzo)

Lontano dalla Terra (racconto)

365 storie d’amore

365 storie d'amore

L’Ultimo Baluardo (racconto)

365 Racconti di Natale

365 racconti di Natale

Il magazzino dei mondi 2

Il magazzino dei mondi 2

365 racconti d’estate

Il magazzino dei mondi 2

Wikio vote

http://www.wikio.it

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio

La vita rende quello che si fa

No Gravatar

La vita rende quello che si fa.
E’ una legge insita nell’esistenza, come lo è la legge di gravità relativa al pianeta Terra. Una legge conosciuta da tutte le popolazioni del passato, trasmessa attraverso le loro filosofie e religioni, dato che la conoscenza acquisita nei secoli aveva fatto comprendere che ogni azione ha delle conseguenze, alcune subito visibili, altre invece che arrivano con il tempo, frutto o pagamento di quanto perpetrato.
Per questo le religioni che credono nella reincarnazione hanno insegnato ad agire in una certa maniera per giungere alla conclusione del Samsara, il ciclo di nascite/morti, e arrivare al Nirvana, giungendo alla liberazione del flusso di vite da vivere attraverso le quali ci si purifica dalle scorie accumulate (i semi del karma) e attraverso tale esperienza ci si illumina. Se questo non avviene, le scelte si pagano nella vita successiva, dove si subisce sulla propria pelle quanto fatto agli altri (una sorta di espiazione per comprendere gli errori commessi ed evolvere nel cammino verso l’illuminazione, liberandosi del karma negativo accumulato), o vengono ricompensate se meritevoli (accumulando karma positivo), continuando tuttavia il ciclo di rinascite finché i residui del Karma non si saranno estinti. Elemento necessario perché questo accada è l’accorgersi di questa realtà e divenire consapevoli dei lati erronei, dei blocchi da superare e da non ripetere più.
E’ quello che dovrebbe accadere anche quando viene inflitta una condanna dal sistema giudiziario dei paesi civili, ma di cui purtroppo si è perso il fine, dove il giudizio emesso è solo un modo per eliminare dalla società qualcuno considerato dannoso, un eliminare un pericolo per la comunità, un togliere da sotto gli occhi un modello fastidioso che se non ci si sta attenti si rischia, se non si hanno educazione, valori, integrità, di attuare a propria volta. Purtroppo il sistema si concentra solo sull’impedire a chi ha fatto errori di non perpetrarli per un certo periodo e spesso la paura di finire di nuovo reclusi non è sufficiente a impedire a una persona di commettere gli stessi errori; il sistema non si concentra su una rieducazione della persona per fargli comprendere dove ha sbagliato, e per questo essa continua a ripetere gli stessi copioni.
Un lavoro quello della rieducazione certo faticoso, che richiede un prezzo da pagare commissionato in ugual misura allo sbaglio commesso: un’espiazione che è volta a portare del bene dove è stato fatto del male. E’ quanto faceva l’Oracolo di Delfi nei confronti di chi aveva delle colpe cui fare ammenda: non carcere o prigionia, ma rendere in maniera uguale e contraria quanto era stato fatto. L’esempio più conosciuto è il mito di Eracle, il famoso eroe che fu fatto impazzire da Era perché simbolo dell’infedeltà di Zeus, facendogli uccidere la moglie e i figli; per tale colpa l’oracolo gli impose di servire Euristeo, che lo sottopose alle famose dodici fatiche. Fatiche che servirono per fargli conquistare la purificazione dalle colpe commesse.
Tale regola viene enunciata dalla religione cristiana attraverso una preghiera che fin da piccoli ai credenti viene insegnata, il Padre Nostro. Il passo “rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori” nasconde il potere di questa regola della vita: nella maniera in cui agiamo, ci viene restituito. Pochi fanno attenzione a questa verità, ripetendo, quando accade, meccanicamente una preghiera senza comprendere cosa si sta dicendo e soprattutto quale insegnamento si sta perdendo; sarebbe meglio invece farlo perché non accada che “se stai portando la tua offerta all’altare di Dio e ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia lì l’offerta davanti all’altare e vai a far pace con tuo fratello; poi torna e presenta la tua offerta. Se uno è in lite con te e ti porta in tribunale, fa presto a metterti d’accordo con lui mentre tutti e due siete ancora per strada; perché lui può consegnarti al giudice, e il giudice può consegnarti alle guardie per farti mettere in prigione. Io ti assicuro che non uscirai di là fino a quando non avrai pagato anche l’ultimo centesimo” (Matteo 5, 23-26). In questo passo non si sta parlando solo del rapporto con le altre persone, ma anche della legge finora enunciata, ammonendo ed esortando a essere sempre vigili e a non lasciar mai correre nulla, perché se non si rimedia agli errori, agli atteggiamenti sbagliati, questi perseguitano e non importa quanto tempo gli occorra, arrivano sempre a reclamare il prezzo di quanto fatto.
L’inconsapevolezza non protegge dalle leggi dell’esistenza; il voler ignorare di proposito certi comportamenti reputando che non possano avere conseguenze, ritenendosi intoccabili, che il prezzo da pagare tocchi agli altri e mai a se stessi, è pura presunzione e illusione. “Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei per avere subito tale sorte? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Siloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo” (Luca 13, 2-5.) Ancora una volta l’ammonimento a essere consapevoli, ad accorgersi dei meccanismi della realtà, a cambiare modo di vedere e di vivere.
Tutte queste cose ai più possono sembrare coincidenze, ma si tratta solo di un’illusione: tutto ciò è sempre la stessa realtà, solamente che di volta in volta si veste in maniera differente a seconda del contesto e delle persone con cui ha a che fare, in modo da riuscire a insegnare agli individui con le maggiori probabilità di successo. Modi di fare che anche se differenti sono collegati tra loro, dato che provengono dalla stessa origine, da quella fonte dalle quale nasce ogni forma d’esistenza.

Dhammapada: Meraviglia

No Gravatar

A cento anni spesi in inganni e malefatte
è preferibile un giorno vissuto in contemplazione.

A cento anni vissuti nell’ignoranza
è preferibile un giorno vissuto riflettendo.

A cento anni spesi nell’indolenza
è preferibile un giorno vissuto con determinazione.

È preferibile vivere un solo giorno
meravigliandosi di come tutte le cose nascono e muoiono.

È preferibile vivere un’ora percependo la vita oltre la Via.

È preferibile vivere un singolo istante nell’istante
della Via al di là della Via stessa.

Dhammapada, Gautama il Buddha

Dhammapada: Vedi te stesso negli altri

No Gravatar

Tutti gli esseri tremano di fronte alla violenza.
Tutti hanno paura della morte.
Tutti amano la vita.

Vedi te stesso negli altri.
In questo caso, chi potresti mai ferire?
Quale danno potresti mai arrecare?

Colui che ricerca la felicità
ferendo coloro che ricercano la felicità
non troverà mai felicità alcuna.

Infatti tuo fratello è simile a te.
Anche lui vuole essere felice.
Non fargli mai del male
e quando lascerai questa vita,
anche tu troverai la felicità.

Non dire mai parole aspre
poiché ti si ripercuoteranno contro.
Parole dettate dall’ira feriscono
e quella ferita si rivolterà contro di te.

Come un gong rotto
resta immobile e in silenzio.
Conosci l’immobilità della libertà
là dove non esiste più lotta alcuna.

Come i pastori conducono le loro mucche al pascolo
la vecchiaia e la morte ti guidano, sospingendoti davanti a se.

Ma lo stolto non sa di compiere cattive azioni
e accende il fuoco
in cui un giorno dovrà bruciare.

Colui che fa del male all’inerme
o che ferisce l’innocente
precipiterà dieci volte…

Nel tormento o nell’infermità,
nella calunnia, nella malattia o nella follia,
nella persecuzione o nelle accuse più terrificanti,
nella perdita dei parenti o nella perdita della sua ricchezza.

Un fuoco dal cielo divamperà sulla sua casa
e quando il suo corpo crollerà a terra, annientato,
egli risorgerà all’inferno.

Dhammapada – Gautama il Buddha

Un augurio di Felice e Serena Pasqua a Tutti.

Dhammapada - Sii svelto a fare il bene

No Gravatar

Sii svelto a fare il bene.
Se sei lento,
la mente, che ama l’inganno e il male,
ti sovrasterà.

Distogliti dagli inganni e dal male.
Ancora e di nuovo, allontanati
prima che l’amarezza e il dolore ti travolgano.

Predisponi il tuo cuore a fare il bene.
Fallo e rifallo, continuamente, intenzionalmente,
e verrai colmato dalla gioia.

Uno stolto è felice
finché il suo inganno non si rivolta contro di lui.
E un brav’uomo può soffrire finché la sua bontà non fiorisce.

Non sottovalutare i tuoi fallimenti
dicendo: “Cosa possono mai farmi?”.
Una brocca si riempie goccia a goccia
pertanto lo stolto si colma della propria follia.

Non sminuire le tue virtù
dicendo: “Non sono nulla”.
Una brocca si riempie goccia a goccia
pertanto l’uomo saggio si ricolma di virtù.

Dhammapada, il Sentiero di Gautama il Buddha